Sondaggi politici oggi, la Lega continua a crollare. Giù anche la fiducia in Draghi e nel governo dei migliori

sondaggi politici oggi 2 aprile index research piazzapulita la7
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Lega continua a perdere voti e anche la fiducia in Mario Draghi e nel suo governo è in calo dopo poche settimane: i sondaggi politici di Piazzapulita su dati della società di rilevazioni Index Research dicono che il Carroccio perde più di mezzo punto percentuale in una settimana (-0,6%) mentre sono in crescita tutti i suoi inseguitori. Ovvero il Movimento 5 Stelle, il Partito Democratico e Fratelli d’Italia.

Sondaggi politici oggi, la Lega continua a crollare. Giù anche la fiducia in Draghi e nel governo dei migliori

L’emorragia di voti della Lega era stata certificata anche dal sondaggio politico di Swg per il Tg di La7 di lunedì scorso. Anche la fiducia in Draghi e nel suo governo è in calo per tutti i maggiori istituti di rilevazioni campionarie. I numeri di Index Research però sono più significativi: la Lega perde lo 0,6% in una sola settimana ed è al 23,5%. Il Partito Democratico guadagna lo 0,3% ed è al 18,8%. Fratelli d’Italia è al 16,8% e avanza di uno 0,3% mentre il Movimento 5 Stelle cresce di mezzo punto percentuale ed è al 16%.

Forza Italia, quinta forza nei sondaggi politici secondo questa rilevazione, è al 6,5% e perde lo 0,4%. È inseguita da Azione di Carlo Calenda, piuttosto distanziata al 3,7% e in calo dello 0,1% mentre Sinistra Italiana è al 3,6% e Italia Viva al 2,7% (-0,1%). La fiducia in Mario Draghi è in crollo: ora è al 60% (era intorno al 64% all’inizio di marzo) e ha perso il 2,7% in una sola settimana. Quella nei confronti del governo Draghi cala dell’1,6% al 44,5%.

LEGGI ANCHE: Diritto & Rovescio, a Salvini salta l’audio proprio quando deve rispondere ai ristoratori. Coincidenze?

Sondaggi politici: Giuseppe Conte leader più popolare in Italia

I sondaggi politici di Ipsos illustrati da Nando Pagnoncelli durante DiMartedì un paio di giorni fa invece dicevano che Giuseppe Conte è il leader più popolare del paese e gli italiani lo vorrebbero alla guida del paese dopo Draghi insieme al segretario del Partito Democratico Enrico Letta. Secondo le rilevazioni di Pagnoncelli il 40% campione di Ipsos vuole il tandem Letta-Conte (la settimana scorsa era il 38%) mentre il 35% preferirebbe Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Non ha preferenze il 25%.

Riguardo la leadership all’interno degli schieramenti, la preferenza tra Conte e Letta porta alla vittoria dell’ex premier che si aggiudica il confronto con il 39% contro il 22% del segretario PD. Nel centrodestra invece il campione preferisce Giorgia Meloni con il 28% a Matteo Salvini con il 23%. Il 49% non sa o non indica una preferenza. Giuseppe Conte è anche in cima alla classifica fdel gradimento dei leader con il 22%, seguito da Giorgia Meloni con il 12%, stessa percentuale di Matteo Salvini. Enrico Letta ha il 10% delle preferenze, Silvio Berlusconi l’8%, Roberto Speranza il 4% e chiude la classifica Matteo Renzi con il 2%. La percentuale di quelli che non vuole indicare una preferenza o non preferisce nessuno dei nomi citati arriva al 30%.

Nella media Youtrend per Agi la Lega è al suo minimo da tre anni a questa parte: ma il calo maggiore lo registra Forza Italia, che nello stesso periodo perderebbe 6 decimi scivolando al 7,5%. Al contrario, Fratelli d’Italia arriverebbe a una nuova percentuale record, superando per la prima volta il 17% (17,1% per la precisione, in crescita di 0,2 punti rispetto a due settimane fa)

Sondaggi: la Lega crolla, Meloni guadagna voti

Il sondaggio politico di Swg per il Tg di La7 di lunedì invece denota un calo del consenso della Lega dello 0,7% (22,6% rispetto al 23,3 di una settimana fa) e la crescita di Fdi dal 17,1% al 17,7 con un guadagno dello 0,6% nelle intenzioni di voto, che vedono anche il Pd in leggera flessione (meno 0,2%) dal 19% della settimana passata, al 18,8 di ieri. Scende, seppur di poco, (-0,1%) anche il M5s che secondo Swg è il quarto partito. Il 5Stelle precede Fi (-0,2) che si attesta al 6,5; Azione al 3,2 (una settimana fa era al 3,4%) e la Sinistra italiana, che prende uno 0,1 in più a quota 2,5%.

Tra i gli altri partiti sono i Verdi a guidare la classifica con il 2,3% (+0,3) che superano Iv (2,2%, meno 0,1%), Mdp Articolo uno con il 2% (+0,2%), Più Europa all’1,7 (+0,5) e, infine, Cambiamo di Giovanni Toti all’1,3% con un incremento di 0,4%. Tra l’altro, ka maggioranza degli italiani, il 78%, è favorevole alla proposta di istituire un passaporto sanitario che attesti l’avvenuta vaccinazione contro Covid-19: questo emerge dalla rilevazione condotta dalla società di monitoraggio Swg. La percentuale dei favorevoli al passaporto del vaccino aumenta, fino al 91%, tra coloro che si sono già sottoposti alla vaccinazione.

Per la maggioranza (57%) di chi manifesta disaccordo, sottolinea il sondaggio Swg, esprime perplessità soprattutto sulla reale certezza di poter dichiarare immune una persona vaccinata. Il 27% dei contrari al passaporto sanitario ritiene, invece, che potrebbero esserci problemi di privacy. Per quasi 3 italiani su 4, il 72% del campione esaminato da Swg, il passaporto sanitario dovrebbe essere introdotto con lo scopo di garantire alle persone in possesso maggiore libertà di movimento rispetto a chi non è stato vaccinato.