Sottile punta i piedi e Mediaset lo scarica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In questo caso il grande Mike avrebbe detto: “Colpo di scena!”. A Mediaset invece hanno dato fiato alle trombe e in quattro e quattr’otto hanno liquidato la pratica Salvo Sottile. Il conduttore di Quarto grado, che voleva condurre Matrix (o un altro programma), ma che alla fine ha perso perfino la conduzione del programma del venerdì sera in prima serata su Retequattro. L’azienda di Cologno Monzese si è affidata a Luca Telese (ma sulla firma in calce ancora nessuno conferma) e a Gianluigi Nuzzi.  Sarà proprio quest’ultimo a sostituire Sottile, sia come vicedirettore di Videonews, sia alla conduzione di Quarto grado dal prossimo 6 settembre. E Sottile che farà? Per lui c’è un posto a La7. Il suo vecchio amico e direttore Enrico Mentana gli ha già spalancato le braccia. L’alternativa sarebbe stata la moglie Sarah Varetto, direttore di SkyTg24.

«Lascio con dolore un’azienda e degli amici – spiega Sottile – che mi hanno dato tanto e ai quali sono e resterò legato, ma credo che nella vita, quando si esaurisce un percorso, bisogna provare altri sbocchi e altre sfide. Un saluto e un ringraziamento a Fedele Confalonieri, Pier Silvio Berlusconi e Giuliano Adreani per il sostegno avuto da loro in questi anni».

Nuzzi è stato autore di inchieste bestseller come Vaticano Spa e Sua Santità che hanno scosso la Santa Sede. Arriva da La7, dove è stato tra gli autori dell’Infedele di Gad Lerner e conduttore degli Intoccabili.

Sottile invece nel 2009 ha debuttato alla conduzione in prime time con Quarto grado, programma rivelazione della stagione sui casi irrisolti di cronaca che un anno dopo, il 15 ottobre 2010, complice il delitto Scazzi, ha fatto segnare il record: 4 milioni 664 mila spettatori con il 18,3%. Lo scorso anno la media è stata del 9% con oltre 2 milioni di spettatori. Meno brillante l’esperienza di Sottile su Canale 5, nell’estate 2012, alla guida di Quinta colonna, che ha beneficiato invece del trasloco su Retequattro dove è stato rimpiazzato da Paolo Del Debbio.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA