Stop alle partite di calcio gratis online. Il Tribunale di Milano ordina ai provider Internet di bloccare entro 5 giorni l’accesso al sito NoFreezeIPTV

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sarà compito dei provider, cioè delle compagnie che forniscono accesso alla rete Internet, impedire ai propri utenti l’accesso al sito pirata NoFreezeIPTV che consente la ricezione illegale delle partite di calcio online. La decisione, senza precedenti, arriva dal Tribunale di Milano che accogliendo un ricorso della Lega calcio di Serie A ha disposto che siano Tim, Tiscali, Fastweb, Wind e Vodafone ad impedire ai propri utenti l’accesso al sito pirata NoFreezeIPTV e agli indirizzi IP ad esso collegati. Il Tribunale ha fissato anche un termine massimo di quattro giorni: in caso di ritardo la multa è di 5mila euro al giorno per la mancata applicazione del provvedimento.

Il sito NoFreezeIptv è ospitato sui server della società olandese World Stream B.V ed è uno dei siti più utilizzati dagli utenti guardare gratis le partite di serie A visibili solo in pay per view. Secondo i dati di Lega Serie A nel campionato scorso c’è stato un incremento del 64 per cento della trasmissione di eventi live pirata, per un totale di 64mila. Alla 19esima giornata di questo campionato i dati presentano una crescita del 50 per cento rispetto all’anno scorso. Un fenomeno che sottrae risorse alle società.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA