Tav, aperto fascicolo per tentato omicidio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il sostituto procuratore Andrea Padalino, della procura di Torino, ha aperto questa mattina un fascicolo – per ora contro ignoti – sull’assalto al cantiere del 13 maggio scorso. Tra le ipotesi di reato, oltre al danneggiamento, c’è anche il tentato omicidio.
Intanto si è svolto questa mattina, sotto la pioggia, un presidio da parte di una cinquantina di No Tav a Bussoleno, in via Traforo, davanti alla sala consiliare dove sarebbe dovuto svolgersi un incontro tra Ltf e la popolazione. Anche se Ltf ha disdetto l’appuntamento dopo l’assalto notturno al cantiere della scorsa notte, i No Tav si sono comunque presentati.
“Abbiamo deciso di fare comunque il presidio – spiega Luana Garofalo, lista civica Bussoleno provaci – per dimostrare sia a Ltf che all’amministrazione che il problema degli espropri non è solo una questione privata ma un fatto che deve essere affrontato collettivamente perché l’eventuale cantiere andrebbe a coinvolgere l’intero paese”. Questa sera alle 21 si terrà un’assemblea a Bussoleno, in cui i No Tav dei comitati pianificheranno le prossime iniziative di protesta. (LaPrese)