Terremoto ad Ascoli Piceno, registrate due forti scosse

La prima scossa di terremoto è stata di magnitudo 4.1, la secondo di 3,6. Tutte e due in provincia di Ascoli Piceno.

Due forti scosse di terremoto sono state avvertite, la prima intorno alle 12:25 di questa mattina, la seconda un minuto dopo, ad Ascoli Piceno. Secondo la stima dell’Ingv, la prima ha avuto una magnitudo di 4.1, la seconda di 3,6. L’epicentro si trova a Folignano, in provincia di Ascoli Piceno, a una profondità di 24 km.

Terremoto ad Ascoli Piceno, registrate due forti scosse

La prima scossa di terremoto è stata di magnitudo 4.1, la secondo di 3,6. Tutte e due in provincia di Ascoli Piceno

Protezione civile: “Non sono stati segnalati danni a persone o cose”

“A seguito dell’evento sismico registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Ascoli Piceno, alle ore 12.24 con magnitudo 4.1 – riferisce in una nota il Dipartimento della Protezione civile -, la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile”.

La scossa di terremoto, confermano dalla Protezione civile “è stata seguita ad un minuto di distanza, alle 12.25, da un ulteriore evento di magnitudo 3.6”. “Dalle prime verifiche effettuate – conclude la nota -, l’evento – con epicentro localizzato nei Comuni di Folignano (AP), Civitella del Tronto (TE) e Ascoli Piceno – risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati danni a persone o cose”.

Il sindaco di Ascoli Piceno apre il Centro operativo comunale

Il sindaco di Ascoli Piceno, Marco Fioravanti, in seguito alle due scosse di terremoto registrate in mattinata ha disposto l’immediata apertura del Centro operativo comunale. “A breve insieme ai tecnici comunali – ha annunciato il primo cittadino ascolano – effettueremo un sopralluogo nelle scuole cittadine per decidere se tenere gli edifici chiusi nei prossimi giorni in via precauzionale”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 15:09
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram