La terza ondata potrebbe essere quasi finita. I nuovi contagi cominciano a diminuire. Gimbe: “Si intravedono i primi segnali di miglioramento”

Gimbe
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, sull’andamento dell’epidemia di Coronavirus in Italia, segnala una lieve riduzione dei nuovi casi di contagio (150.033 invece di 157.677) e dei decessi (2.327 rispetto a 2.522), mentre è sempre in aumento il numero dei pazienti attualmente positivi (560.654 – 536.115), di quelli in isolamento domiciliare (528.680 – 506.761), dei ricoveri con sintomi (28.428 invece di 26.098) e delle terapie intensive (3.546 rispetto a 3.256).

“Nel pieno della terza ondata – ha detto il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta – si intravedono i primi segnali di miglioramento: dopo quattro settimane consecutive si inverte il trend dei nuovi casi settimanali e si riduce l’incremento percentuale dei nuovi casi”.

Tuttavia, il dato nazionale, sempre secondo l’analisi di Gimbe, risente di situazioni regionali molto eterogenee: infatti, in 10 Regioni l’incremento percentuale dei nuovi casi è ancora in crescita e in 14 Regioni si amplia il bacino dei casi attualmente positivi. Queste, nel dettaglio, le variazioni registrate nel periodo 17-23 marzo rispetto alla settimana precedente: Decessi: 2.327 (-7,7%) Terapia intensiva: +290 (+8,9%) Ricoverati con sintomi: +2.330 (+8,9%) Isolamento domiciliare: +21.919 (+4,3%) Nuovi casi: 150.033 (-4,8%) Casi attualmente positivi: +24.539 (+4,6%).

“Nonostante la lieve flessione della curva dei contagi – commenta la Responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari di Gimbe, Renata Gili – peggiora la situazione sul versante ospedaliero, anche perche’ la terza ondata e’ partita da un “altopiano” molto elevato di posti letto occupati”. Infatti, a livello nazionale entrambe le soglie di allerta di occupazione di posti letto da parte di pazienti COVID in area medica (40%) e in terapia intensiva ()30%) sono superate: rispettivamente 43% e 39%.

Superata la soglia d’allarme in 10 e 12 Regioni rispettivamente per l’area medica e per le terapie intensive, che in 5 Regioni hanno una saturazione 40% (Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Abruzzo, Toscana) e in 5 50% (Marche, Lombardia, P.A. Trento, Piemonte, Emilia-Romagna). “Su questo fronte – spiega il Direttore Operativo di Gimbe, Marco Mosti – è incoraggiante la frenata dei nuovi ingressi giornalieri in terapia intensiva: la curva della media mobile a 7 giorni dopo 4 settimane di incremento si è appiattita”.