Titoli di coda sul Festival del cinema di Roma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Una domanda sorge spontanea nei corridoi dei palazzi romani di Campidoglio, Regione e Camera di Commercio: da dove uscirà il milione (e 130 mila euro) da stanziare – singolarmente – già dalla prossima settimana per la Festa del Cinema di Roma, targata 2014? La kermesse promossa da Fondazione Musica per Roma, Roma Capitale, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma, Regione Lazio e Provincia di Roma. Un festival inventato da Goffredo Bettini, Walter Veltroni e Andrea Mondello che però negli ultimi anni è passato dai fasti degli esordi a un ridimensionamento graduale ma sensibile, per via soprattutto della crisi che ha attanagliato gli enti locali.

La Camera di Commercio è alle prese con un contenzioso che riguarda la gestione e che sta immobilizzando tutti gli investimenti e i finanziamenti. A riguardo una schiarita è attesa per metà febbraio, non prima, quando si saprà l’esito dell’ennesimo ricorso presentato.

Carte bollate a parte, non sta certo meglio il sindaco di Roma, Ignazio Marino. D’accordo che tra Tares, Imu, tassa sui rifiuti e multe a raffica il cassiere del Campidoglio sta vedendo qualche contante in più, ma le voragini dell’amministrazione capitolina sono ben più larghe delle buche presenti sulle strade. E chi vive a Roma sa bene l’entità del problema. Inoltre il sindaco di Roma non ha ancora provveduto a coprire le spese di 400 mila euro del concertone di Capodanno non ricevute dalla Camera di Commercio di Roma per i problemi già descritti. E che probabilmente Marino non riceverà mai.

Morale della favola: chi pagherà i cantanti e le luminarie dello show di San Silvestro?

E ce la farà il Festival del Film a vedere l’alba anche nel 2014?

Ai tartassati cittadini della capitale non si può certo aumentare le imposte per permettere a Scarlett Johansson di fare la passerella sul red carpet.