Torino, Guariniello se ne va sbattendo la porta. Il magistrato si dimette anticipando il pensionamento di una settimana. Con chiaro intento polemico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Raffaele Guariniello si dimette. Sarebbe andato comunque in pensione a fine anno, ma ha preferito anticipare l’addio. Per lui il Csm ha deciso il pensionamento dopo che il governo ha riportato a 70 anni l’età massima di permanenza in servizio. E’ stato titolare di tante inchieste, tra cui i processi Thyssen e Eternit. Guariniello lascerà il suo ufficio a partire da Natale.

C’è chi sostiene che la decisione sia stata presa perché per lui sarebbe pronto già un nuovo lavoro. C’è, poi, un’altra corrente di pensiero che vede un certo astio e polemica nei confronti del procuratore Spataro che recentemente ha criticato il protagonismo di certi magistrati , oltre a quelli che parlano con i giornalisti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA