Torna il Covid e fa sul serio. L’indice Rt è di nuovo sopra 1

Dopo due mesi e mezzo, il valore dell'indice Rt risale sopra la soglia epidemica. Il crescita anche i ricoveri.

Dopo due mesi e mezzo il valore dell’indice di trasmissibilità Rt risale sopra la soglia epidemica. Il valore di Rt, questa settimana, è pari a 1,07 secondo il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute. L’ultimo picco c’era stato l’8 aprile scorso, quando l’Rt toccò 1,15.

TAMPONI AL DRIVE THROUGH DI LODI DRIVE THROUGH

Rt in crescita. L’incidenza settimanale a livello nazionale si attesta a 504 casi ogni 100.000 abitanti

Sale, dunque, l’incidenza settimanale a livello nazionale: 504 ogni 100.000 abitanti (17/06/2022 -23/06/2022) vs 310 ogni 100.000 abitanti (10/06/2022 -16/06/2022). Nel periodo 1 giugno – 14 giugno 2022, l’RT medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,07 (range 0,76-1,48), in aumento rispetto alla settimana precedente ed oltre la soglia epidemica. L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è in aumento ed anch’esso sopra la soglia epidemica: RT=1,16 (1,11-1,21) al 14/06/2022 vs RT=0,95 (0,91-1) al 07/06/2022.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva sale al 2,2% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 23 giugno) vs il 1,9% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 16 giugno). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 7,9% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 23 giugno) vs 6,7% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 16 giugno).

Nessuna Regione/PA è classificata a rischio basso. 12 Regioni/PPAA sono classificate a rischio moderato ai sensi del DM del 30 aprile 2020, mentre 9 Regioni/PPAA sono classificate a rischio alto per la presenza di molteplici allerte di resilienza; 2 di queste sono ad alta probabilità di progressione. Tutte le Regioni/PPAA riportano una singola allerta di resilienza. Nove Regioni/PPAA riportano molteplici allerte di resilienza.

La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile (9% vs 10% la scorsa settimana). In aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45% vs 44%), come anche la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (47% vs 47%).

Pubblicato il - Aggiornato il alle 15:06
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram