Tra Vespa e Baudo volano gli stracci

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Botta e risposta al cianuro tra Pippo Baudo e Bruno Vespa. Oggetto del contenzioso il mancato invito del presentatore nella trasmissione commemorativa dei 60 anni di Rai. Argomento finito sul tavolo della Vigilanza. Vespa si è giustificato dicendo che Pippo non è stato invitato non per una dimenticanza ma perché durante una riunione per le trasmissioni sui 150 anni dell’Unità d’Italia sputò addosso a Claudio Donat-Cattin, vicedirettore di Rai1. «Se Baudo si fosse scusato…», ha aggiunto Vespa. Secca la replica di Pippo: «È Vespa che deve scusarsi con me, perché è lui che non ha rispettato gli impegni di servizio pubblico e ha agito per vendetta personale. Non solo ha peccato, ma addirittura mi concede la grazia se io chiedo scusa. Ma chi è diventato Vespa, il proprietario della Rai?».

E una nuova bordata a Vespa è arrivata anche da Fiorello: «Devo dire che al compleanno Rai mancavo pure io, ma io non sono nessuno…». L’affermazione di Fiorello nella sua edicola su Radio 2 non è poi così tanto leggera e quindi anche il presentatore accusa il conduttore di Porta a Porta di non esser stato coinvolto nelle celebrazioni dei sessant’anni della Rai.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA