Turbo Tortu. Il giovane sprinter azzurro batte il record di Mennea sui 100 metri che resisteva da 39 anni. A Madrid corre in 9”99

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Filippo Tortu batte il record italiano di Pietro Mennea sui 100 metri. Il ventenne sprinter azzurro ha corso in 9.99 (vento +0.2) al meeting di Madrid, per superare il primato nazionale che resisteva da quasi 39 anni, 10″01 a Città del Messico il 4 settembre 1979. Il velocista delle Fiamme Gialle diventa il primo italiano della storia sotto i 10 secondi, con il secondo posto nella gara vinta dal cinese Su Bingtian in 9″91.  “E’ una sensazione fanstastica, e’ sempre stato un sogno, fin da bambino e lo era fino a qualche ora fa. Sapevo di poterlo fare, ci speravo e con un po’ di fortuna ci sono riuscito”. Cosi’ Filippo Tortu ai microfoni di Sky Sport24 commenta il nuovo record italiano sui 100 metri con 9″99, battendo il primato che apparteneva a Pietro Mennea (10″01 a Citta’ de Messico, 4 settembre 1979, ndr). “E il risultato del lavoro svolto. E’ soprattuto merito di mio padre e di come mi ha allenato in questi anni, in una maniera innovativa che sta dando i frutti. Con il team che mi ha costruito intorno e che mi permette di pensare solo ad allenarmi e correre forte” afferma il velocista delle Fiamme Gialle. “E’ arrivato inaspettato ma non mi dimentico l’obiettivo principale che sono gli Europei a Berlino” aggiunge Tortu che conferma l’intenzione di correre anche i 200: “Perche’ e’ la gara dove posso esprimere al meglio le mie caratteristiche”.
(ITALPRESS).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA