Tv free, Mediaset bussa a denari. Il Biscione batte cassa a Sky per i canali gratuiti. Il 62% degli abbonati guarda le reti generaliste

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tra Mediaset e Sky si intravede un’altra battaglia all’orizzonte. Questa volta non è la Champions League il pomo della discordia. Sono tutti i contenuti che vengono trasmessi. Il Biscione batte cassa e si appella a quanto accade in Usa, Germania e Inghilterra, nonché alla delibera dell’Agcom (che però ha precisato che tale delibera riguarda solo il servizio pubblico, quindi la Rai e non le reti commerciali). Tuttavia, secondo Mediaset, Sky dovrebbe pagare per utilizzare sul proprio bouquet i canali generalisti. Che non a caso – anche per gli abbonati Sky – fanno la parte del leone. Avere un solo telecomando è una comodità. Vedere Montalbano o il Grande fratello con i tasti 101 o 105 di Sky è più facile, rispetto a passare al digitale, cambiare telecomando e la porta di uscita del televisore. Se si dovesse arrivare a oscurare i canali free, in valori di share, le generaliste perderebbero 1 o 2 punti, mentre per la tv satellitare il discorso sarebbe un po’ diverso. Le famiglie che possiedono un decoder Sky in Italia sono 4,5 milioni. Il 62% degli abbonati guarda i contenuti free, il 38% quelli Sky. Negli Stati Uniti la retrasmission fee è una voce consolidata e pesante nei bilanci dei network. Anche coi gestori della telefonia sono in corso trattative per i contenuti di Rai, Mediaset, La7 e Sky. Il Biscione negli ultimi anni ha fatto causa per lo sfruttamento dei propri contenuti a YouTube, Google, Yahoo, L’Espresso, Kataweb, Daily motion e perfino Facebook. Tuttavia anche Premium utilizza i canali free sul suo telecomando, ma su una piattaforma free anch’essa, quella del digitale terrestre. Oltre a Sky sul satellite c’è pure TivùSat, ma non è a pagamento.

IL CALENDARIO DELLO SHARE
Testa a testa negli ascolti per il Calendario della Serie A, in onda sia sulla pay (Premium Sport e Sky Sport 1) e sulla free (Mediaset Italia 2 e Cielo). Il totale dei canali Mediaset è stato di 1,58% di share (0,98 di Italia 2 e 0,60 di Premium). Di Sky 1,47% (Cielo 0,76% e Sky Sport 1 0,71).
IL PALLONE TORNA AGLI UOMINI
Dopo anni in cui le donne hanno tolto il calcio agli uomini ecco che il sesso forte si riprende il pallone. Almeno in parte. Ilaria D’Amico, Paola Ferrari andranno in onda al pomeriggio, rispettivamente con Sky Calcio Show e Novantesimo minuto (che allunga la sua durata. Ci sarà pure Marco Mazzocchi), mentre Mikaela Calcagno resterà l’indiscussa signora della serata di Premium (al pomeriggio confermato Massimo Callegari). Di sera vedremo su Sky Sport Fabio Caressa (con i suoi opinionisti doc, a cominciare da Alex Del Piero) e su Raidue la Domenica sportiva affidata quest’anno dal direttore di Raisport Carlo Paris alla cura di Marco Civoli (che non sarà in video) e alla conduzione di Alessandro Antinelli (con lui ci saranno Giusy Versace, Paolo Tramezzani e Ivan Zazzaroni). Il piatto forte della trasmissione più longeva della televisione italiana saranno due terribili vecchietti, i cui battibecchi faranno divertire il pubblico in sala e a casa, visto che Trapattoni e Zeman sono degni della spietata giuria dei Muppet Show). Chi la spunterà? Il 4-3-3 del boemo o il 4-4-2 del Trap? Si comincia il 23 agosto.