L’Uefa si arrende all’epidemia. Capitolano pure i signori del pallone. L’Unione calcistica continentale alza bandiera bianca. Stop a Champions ed Europa League, rinviati gli Europei

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Erano gli ultimi giapponesi ma alla fine hanno dovuto prendere atto anche loro che davanti a un’emergenza come quella creata dal coronavirus è necessario che pure il calcio si fermi. Non era accettabile lo stop del campionato nazionale, annunciato con l’ultimo decreto dal premier Giuseppe Conte, e continuare a giocare in Europa. Considerando anche che gli stessi calciatori, come è emerso con le notizie delle prime vittime, non sono immuni al Covid-19 e non basta dunque disputare le partite a porte chiuse per evitare rischi. Ieri i dirigenti della Uefa hanno così dovuto alzare bandiera bianca e bloccare Champions ed Europa League.

MEGLIO TARDI CHE MAI. Dopo il rinvio delle partite di Real Madrid e Juventus, l’organo che gestisce il calcio europeo ha ufficializzato l’interruzione degli incontri validi per gli ottavi di finale previsti la prossima settimana e degli altri match. Una decisione presa dopo una riunione in conference call con i rappresentanti delle 55 federazioni e delle leghe nazionali. La Uefa del presidente sloveno Aleksander Čeferin (nella foto) ha poi invitato i rappresentanti delle 55 federazioni affiliate, i consigli della European Club Association e delle leghe europee e un rappresentante di FIFPro a un meeting in videoconferenza per martedì prossimo, in cui discutere le risposte alla pandemia.

“La priorità in questo momento resta la salute, poi quando la situazione migliorerà e si potrà tornare a giocare, sarà fondamentale portare a termine i campionati per limitare l’impatto negativo sull’intero ecosistema calcistico degli effetti del coronavirus”, hanno subito sostenuto a reti unificate le leghe europee, puntando su “cooperazione, coordinamento e flessibilità”. Destinati al rinvio infine gli Europei in programma dal 12 giugno, affinché in quel mese ci sia tempo per portare a termine il campionato, sospeso per l’emergenza coronavirus, come sostiene la Lega Serie A.

TUTTO PARALIZZATO. Ma a doversi fermare non è ovviamente solo il grande calcio. Alla fine ad arrendersi sono stati infatti anche gli organizzatori delle olimpiadi di Tokyo, che dopo aver esordito a porte chiuse hanno dovuto interrompere gli altri appuntamenti, sperando che non saltino anche i Giochi Olimpici. Addio inoltre al Giro d’Italia, dopo gli stop della Milano-Sanremo e della Tirreno-Adriatico: tutto rinviato a data da destinarsi. Idem per la Parigi-Nizza, con l’arrivo previsto domani nella città della Costa azzurra annullato. Cancellate infine la corsa inaugurale del mondiale di Formula 1, congelando il gran premio d’Australia, le tappe in Bahrein e Vietnam, le World Series della 36/a America’s Cup di vela previste a Cagliari, l’Nba e il Pga Tour di golf negli Usa. “La vita viene prima di tutto, dico forza a chi sta combattendo contro il virus”, ha affermato Cristiano Ronaldo, simbolo del calcio attualmente in quarantena in Portogallo.