Umberto Carriera, il ristoratore di Piazza Montecitorio rinnega Salvini: “Ci ha preso in giro”

umberto carriera matteo salvini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Umberto Carriera, ristoratore che a Piazza Montecitorio ha dato spettacolo aizzando la folla e che era spesso ospite delle dirette di Matteo Salvini, oggi in un’intervista al Fatto Quotidiano lo rinnega: “Da Matteo ci sentiamo traditi –dice Carriera al Fatt o – va bene il populismo, va bene cavalcare l’onda, ma non si può scherzare con decine di migliaia di famiglie”.

Umberto Carriera, il ristoratore di Piazza Montecitorio rinnega Salvini: “Ci ha preso in giro”

Il motivo della rottura è questo: “Era stato lui ad avvicinarmi a gennaio dicendo che voleva supportare le nostre iniziative, ci siamo anche visti in Senato. Poi il 2 marzo, quando è arrivato in aula l’emendamento di Fratelli d’Italia per tenere i ristoranti aperti fino alle 22 in zona gialla, Salvini e i leghisti si sono astenuti”.

Una presa in giro: “Gli ho scritto su Whatsapp e mi ha risposto con un messaggio ridicolo su zona gialla e zona arancione. Non ci si comporta così. Va in televisione dalla D’Urso, da Giordano e da Giletti a dire ‘apro apro apro’, poi quando è il momento si nasconde dietro la zona arancione. Fare lo splendido sul destino di migliaia di famiglie mi sembra assurdo”.

Leggi anche: Il ristoratore che faceva le dirette con Salvini oggi aizza la folla a Montecitorio: “Sfondiamo ‘sta piazza di me…”

Carriera è già di suo un bel personaggio. Il quotidiano ricorda la finta minaccia di morte che l’imprenditore si era mandato da solo su Instagram attraverso uno degli account dei suoi locali; la citazione fasulla nella lista dei 150 imprenditori under 30 più promettenti di Forbes Italia, smentita dalla stessa  rivista; la promettente carriera da arbitro interrotta da una misteriosa radiazione dall’Aia (il Resto del Carlino scrive di “divise sparite e poi restituite”); la curiosa dichiarazione dei redditi che gli ha permesso di pagare appena 9.800 euro di tasse nel 2020.

Umberto Carriera e Salvini: amore finito

Ieri però era all’opera a Montecitorio, e a beccarlo è stato la pagina Commenti Leghisti. “Vi ricordate di Umberto Carriera, il “ristoratore ribelle” amico di Salvini della campagna #ioapro? – scrive la pagina Instagram – “Eccolo qua che in diretta da Roma aizza la folla: “Siamo pronti a sfondare! Andiamo a sfondare ‘sta piazza di mer*a!”. Ovviamente il Cuordileone non compare tra i tafferugli e le botte. Insomma, la solita storia dell’”armiamoci e partite!””.

Ah, Carriera (insieme a tutti i ristoratori che stanno protestando ora a Roma) sta protestando contro il Governo. E ora che Capitan Selfie fa parte del “Governo-Dittatura”, era giusto trovarsi un nuovo amico: Vittorio 🐐 Sgarbi. Passo e chiudo.