Un anno e 4 mesi a Raffaele Marra. L’ex capo del personale del Comune di Roma spinse per la nomina del fratello Renato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I giudici della ottava sezione penale del Tribunale di Roma hanno condannato, a un anno e 4 mesi di reclusione, Raffaele Marra, l’ex capo del personale del Comune di Roma, per l’accusa di abuso di ufficio in relazione alla nomina del fratello, Renato, a responsabile del Dipartimento Turismo del Campidoglio. Si tratta della stessa vicenda per la quale, nel novembre scorso, fu assolta dall’accusa di falso la sindaca Virginia Raggi. I giudici hanno accolto l’impianto accusatorio della Procura di Roma. Nel dicembre scorso lo stesso ex alto funzionario del Campidoglio era stato condannato a 3 anni e 6 mesi per una vicenda che lo vedeva imputato per corruzione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA