Un’estate piena di notizie. Ascolti record per i talk del mattino, ma spopolano pure per i canali all news

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Elezioni politiche, pandemia, crisi Benetton, crisi economica, ma soprattutto, ora all’ordine del giorno, Mes e Recovery Fund: più che un’estate, dal punto di vista dell’informazione, sembra un autunno inoltrato e infatti i programmi sia mattutini che le all news stanno dando prova di presenza e di attenzione all’attualità costanti e fruttiferi. Nonostante le versioni estive delle trasmissioni patiscano fisiologici tagli di budget e organico, gli appuntamenti della mattina sono ben focalizzati sulla situazione del momento e stanno sul pezzo. Sul vertice europeo e le sue ricadute l’informazione televisiva è stata completa e ben articolata, oltre che sempre aggiornatissima.

A partire da Unomattina Estate, guidata dalla coppia Alessandro Baracchini e Barbara Capponi: il format nelle ultime puntate ha coperto tutti gli sviluppi della vicenda Recovery Fund, parlando di “svolta storica per l’Europa” col piglio serio e professionale dei due esperti giornalisti. Dal punto di vista degli ascolti, OmnicomMediaGroup, multinazionale quotata a Wall Street che realizza dati e analisi per le più grandi aziende del mondo che pianificano pubblicità in Italia, ci informa che la media finora è di 796.088 spettatori con lo share del 15,5% e con punte del 17%, quindi buono. Su Rai 3 novità al timone di Agorà Estate, dove arriva, direttamente da Rainews24, Roberto Vicaretti, al quale subentrerà Luisella Costamagna in autunno: dopo un rodaggio iniziale, il giovane giornalista umbro ha dimostrato tutta la sua competenza nei temi di stretta attualità, reggendo alla grande il confronto con tutte le voci del nostro panorama politico e istituzionale. D’impatto alcuni titoli suggestivi e azzeccati come Notte di Mes estate. Gli ascolti lo danno in ripresa, con una media di 398.576 spettatori e share del 7,2%. Passando a La7, si parte alle 8.00 con Flavia Fratello e Omnibus, abituata a temi delicati e stringenti come quelli di questi giorni, da bravo volto del Tg La7 di Mentana, e pronta a rivolgersi anche a personalità estere per completezza di opinione; per lei 195.284 utenti medi e share del 3,4%. La segue Andrea Pancani, viso familiare e rassicurante di Coffee Break, attento soprattutto al bene degli italiani e capace di analizzare, insieme al suo staff e ai suoi ospiti, gli effetti che queste manovre europee potranno avere sul popolo del Belpaese. Il conduttore partenopeo convince mediamente 193.818 telespettatori superando spesso il 4% di share, come accaduto anche questa settimana. E in estate il programma si arricchisce con Marco Piccaluga.  La mattinata del canale diretto da Andrea Salerno termina con L’aria che tira estate, condotta da Francesco Magnani: il 40enne giornalista romagnolo sa interpretare il periodo destreggiarsi anche nei talk più agguerriti. Lo aiutano anche titoli accattivanti come Conte tra Fantozzi e De Gasperi, sicuramente ad effetto. Per lui 376.268 seguaci e uno share medio del 4,2%. Per quanto riguarda le all news, Rainews24 si distingue per la sua presenza costante e per il grande supporto che fornisce ai generalisti della Tv di Stato, che rendono il canale diretto da Antonio Di Bella una sorta di “cantera”: oltre al già citato Vicaretti, passato ad Agorà Estate, anche Isabella Romano è stata da poco promossa alla conduzione del Tg1. Novità estiva di luglio è la rubrica quotidiana Post Covid19, si può fare!, in onda tutti i giorni dalle 15.30 alle 16.00 e condotta da Gerardo D’Amico. Tgcom24 di Paolo Liguori mantiene la sua linea in appoggio alle generaliste Mediaset, fornendo sempre aggiornamenti sui canali del Biscione. Il direttore continua la sua striscia quotidiana di Fatti e Misfatti mentre il sito vola ancora su Audiweb, risultando terzo in Italia tra i più visitati in assoluto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA