Urne aperte. Primavera elettorale tra quesiti referendari e il voto in sei regioni e in oltre mille comuni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si va verso una primavera elettorale. Tra pochi mesi i cittadini italiani potrebbero essere chiamati a votare per le amministrative, le regionali, e per due referendum, quello costituzionale per confermare o meno la riforma che riduce il numero dei parlamentari e quello abrogativo voluto dalla Lega e promosso da 8 consigli regionali per eliminare la parte proporzionale dalla legge elettorale vigente, il cosiddetto Rosatellum. Sono oltre mille i comuni che torneranno al voto, tra cui quindici capoluoghi di provincia e quattro di regione, con gli appuntamenti più attesi che saranno quelli di Venezia, Reggio Calabria, Trento, Bolzano e Arezzo. Ma anche sei regioni dovranno affrontare il test elettorale: Veneto, Liguria, Campania, Toscana, Marche e Puglia. Una campagna elettorale perenne.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA