Vertice urgente del Comitato tecnico scientifico. Stretta su feste private, sport amatoriali e movida. Ipotesi chiusura locali alle 24

dalla Redazione
Politica

Stretta sulle feste private, anche in casa, e sospensione degli sport amatoriali di contatto, come il calcetto. Sono alcune delle possibili misure che il governo potrebbe adottare nei prossimi giorni per arginare la nuova ondata di Coronavirus. Le nuove misure sono emerse ieri nel corso della riunione dei capi delegazione della maggioranza in vista del Dpcm a cui sta lavorando in queste ore il Governo.

Oltre allo stop a feste e sport amatoriali il governo pensa anche a porre un freno alla movida, con lo stop dalle 21 alla possibilità di consumare in piedi cibo e bevande nei locali e con la chiusura di bar e ristoranti alle 24. Poiché i dati mostrano che il contagio avviene principalmente tra parenti e amici, dovrebbe arrivare lo stop alle feste private, anche in casa, e un limite di massimo trenta persone ai tavoli nei locali e nelle sale per cerimonie. Misure di cui si parlerà oggi nel corso della riunione urgente del Comitato tecnico scientifico, alla quale dovrebbe partecipare anche il ministro della Salute Roberto Speranza.

Per quanto riguarda il nuovo Dpcm. Il provvedimento andrà adottato entro il 15 ottobre, per confermare, e aggiornare, le azioni in vigore e contenute nel precedente decreto, oltre a quello firmato nei giorni scorsi che prevedeva la proroga, al 31 gennaio 2021, dello stato di emergenza. “Nelle prossime ore – ha detto ieri lo stesso Speranza – si valuterà il contenuto del nuovo Dpcm. Per me bisogna avere la forza di prendere in carico questa fase nuova immediatamente. Il tempismo potrebbe evitarci misure più drastiche”.