Viaggi della speranza 2.0

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Viaggi della speranza organizzati sui social network. Si evolvono pure gli scafisti che tramite chat su social network e pagine di Facebook organizzano i viaggi sulle carrette del mare. Palestinesi e siriani si sono organizzati in questa maniera: a svelarlo le indagini della squadra mobile della polizia di Stato di Ragusa, coordinate dalla locale Procura. Il dato è emerso anche nell’inchiesta sul fermo di 4 scafisti nell’ ambito delle indagini sullo sbarco di 864 migranti giunti ieri a Pozzallo su nave San Giusto della marina militare. Su Facebook, in arabo, un intermediatore, il cui profilo sembrerebbe falso, offre contatti e possibilità di incontri per organizzare il viaggio. Sullo stesso social network esistono pagine aperte da rifugiati che sono arrivati in Europa e che forniscono contatti e informazioni sulla loro esperienza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA