Vola un derby nel cielo! La Lazio schiaffeggia la Roma: ora si può sognare la finale di Coppa Italia – VIDEO

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Lazio ha un piede e mezzo in finale di Coppa Italia. Nell’andata della semifinale che si è giocata ieri sera all’Olimpico, i biancocelesti hanno sconfitto la Roma per 2-0 grazie ai gol messi a segno da Sergej Milinković-Savić nel primo tempo e da Ciro Immobile nella ripresa, tornando a vincere il derby dopo quasi quattro anni di astinenza. L’ultima vittoria della squadra di Lotito – scherzo del destino – risale proprio all’ultimo atto dell’edizione 2013 della Coppa nazionale portata a casa grazie al gol di Lulic. Simone Inzaghi schiera una Lazio diversa rispetto alle uscite precedenti: dentro Wallace e Bastos in difesa con Biglia in cabina di regia e Felipe Anderson ad innescare Immobile. Spalletti risponde con Allison in porta, Paredes al posto di De Rossi in mediana e il duo Salah-Nainggolan a innescare Edin Džeko. Ma la verve realizzata del centrocampista belga e dell’attaccante bosniaco non bastano ai giallorossi, che vanno sotto al 29’ della prima frazione quando, dopo una splendida accelerazione, Felipe Anderson mette al centro dell’area un rasoterra che Milinković-Savić mette alle spalle dell’estremo difensore avversario. La Roma si sveglia pochi minuti dopo, ma il colpo di testa di Džeko finisce alto sopra la traversa della porta difesa da Strakosha.

La ripresa – Nel secondo tempo il copione non cambia nonostante il palo esterno colpito da Salah. La Lazio continua a spingere sulle fasce e al 59’ la combinazione Anderson-Immobile innesca Parolo che esplode un destro che va fuori. Spalletti toglie Paredes e mette dentro Diego Perotti, ma non basta. Al 68’ la Lazio raddoppia ma Immobile è in fuorigioco. Non lo è, invece, quando dieci minuti più tardi raccoglie il passaggio del subentrato Keita e mette il sigillo sul 2-0 finale. Vano l’assalto finale della Roma, a cui non basta l’ingresso in campo di Francesco Totti. Gara di ritorno in calendario il 5 aprile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA