X Factor record, Innocenzi a picco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

La farsa di Morgan e la conseguente attesa dei fans sull’epilogo della telenovela è stata una trovata pubblicitaria che ha dato i suoi frutti. Ha permesso a X Factor di battere il suo record. La puntata del ritorno di Morgan è stata la più vista di sempre del talent su Sky. Ha raccolto davanti alla tv 1.277.768 spettatori medi complessivi e 2.039.110 spettatori unici, registrando una crescita del 44% rispetto all’omologa puntata dello scorso anno. Grazie allo share del 5% e un picco dell’8,3%, Sky Uno è stato il terzo canale nazionale più visto. Solo la super fiction di Raiuno e Zelig hanno fatto meglio. Su Raiuno Che Dio ci aiuti 3 ha trionfato con numeri da capogiro: 7.422.000 spettatori e 26,94%, nel primo episodio, e 6.987.000 spettatori (31,5%) nel secondo. X Factor ha battuto anche i due talk del giovedì, Virus di Porro su Raidue (1.051.000 spettatori con 4,45%) e Announo su La7 (842.000 con 3,67%).

GENTE DE BORGATA

Il faccia a faccia tra le periferie romane e il sindaco Marino non ha portato fortuna a Giulia Innocenzi che ha fatto peggio del peggior Santoro. Ascolti bassi ma la conduttrice ha dimostrato coraggio nel tuffarsi senza rete. Poi far parlare la gente è sempre un punto a favore.

MATRIX, TRE PUNTI IN PIÙ

Per contro la diatriba capitolina è andata molto bene a Matrix (10,8%). Il programma di Luca Telese, dall’inizio della stagione a oggi, è il talk che è cresciuto di più nella media degli ascolti. Dal 7,3% lo share medio è passato al 10,6%. È cresciuto del 3,3%, il miglior risultato tra tutti i talk. I risultati migliori sono stati ottenuti quando il programma si è occupato di cronaca. La puntata più vista resta quella del 9 ottobre con una media share di 15,54%. Rispetto alla scorsa stagione solo Virus (+0,8%), Quinta colonna (+0,6%) e Porta a Porta (+0,5%) sono cresciuti, seppure con incrementi decimali. Giovedì scorso Bruno Vespa è andato fortissimo: è stato visto da 1.741.000 spettatori per uno share del 20,66%. Tornando al confronto dei dati vanno sottolineati i crolli di Ballarò (-6,4%) e Servizio pubblico (-5,5%). Bilancio sotto zero anche per La Gabbia (-1,1%) e Piazza pulita (-0,3%).

ARIDATECI MANNHEIMER

Certo guardando i sondaggisti di questa stagione di Porta a Porta viene da rimpiangere il tempo in cui in studio c’era Renato Mannheimer. Sempre simpatico e pronto alla battuta. Quelli di quest’anno saranno pure bravi ma chi ha visto la puntata con Salvini ospite non ha potuto non notare che la sondaggista di Tecné era senza voce, mentre Antonio Noto di Ipr, inquadrato sulla nuca, sembra il fratello di collo di Galliani.

MATTINO5 IN CRESCITA

Anche MattinoCinque ha registrato un’ottima performance rispetto a inizio stagione (+40%). Il programma condotto da Federica Panicucci e Federico Novella, a novembre ha raccolto una media del 14,7% di share, con puntata record il giorno 18 con 19,12% di share e 837mila telespettatori. Risultati da non sottovalutare, soprattutto se si considera la forza del competitor: Storie Vere con Eleonora Daniele su Raiuno giovedì scorso ha fatto una media di 870.000 spettatori con il 21.62% di share.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA