Zecchino d’oro, suicidio Raiuno. Il festival dei ragazzi regala il pomeriggio a Canale 5. Vanificati gli sforzi di 6 mesi della Vita in diretta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro Lo Zecchino d’Oro di Raiuno è oro zecchino per gli ascolti di Barbara d’Urso e il suo Pomeriggio 5. In pratica la messa in onda del festival canoro dei bambini si sta dimostrando un autentico suicidio per gli ascolti di Raiuno. Il Biscione è tornato a superare di gran lunga il 20-22%, mentre il programma condotto dalla figlia di Al Bano (Cristél Carrisi) e da Flavio Montrucchio si è fermato al 12%. Una dote che Raiuno ha gettato alle ortiche, dopo che dall’estate scorsa La Vita in diretta era riuscita a sorpassare Pomeriggio 5, dopo anni di batoste. Un’impresa che ha coinciso con la conduzione di Eleonora Daniele e Salvo Sottile, nonché di due degli autori più bravi della Rai, Vincenzo Galluzzo e Michele Gambino, tornati in campo dopo esperimenti non felici compiuti senza di loro.  Nella stagione autunnale il tandem Cristina Parodi-Marco Liorni ha tenuto il vantaggio accumulato dalla coppia della versione estiva. La squadra è rimasta la stessa e la d’Urso si è vista costretta a inseguire. Ma siccome il pubblico televisivo è abitudinario, esiste il rischio che anche da lunedì prossimo Pomeriggio 5 possa ritornare saldamente in testa perché una settimana di Zecchino d’oro può abbattere anche un elefante. Per Parodi e Liorni sarà davvero dura ritornare in testa. Se è permesso fare una considerazione verrebbe da chiedersi: ma non sarebbe stato meglio mandare in onda il festival canoro dei bambini nel periodo natalizio? DANIELE ALL NEWS Eleonora Daniele non è solo una brava conduttrice , ma una giornalista capace di reggere l’urto della cronaca in diretta. Lo ha dimostrato anche ieri a Storie vere, riuscendo ad andare in diretta per oltre 45 minuti, completamente a braccio, con un solo dispaccio di agenzia in mano. Ha coperto la notizia sull’attentato islamista nel Mali muovendosi tra i vari collegamenti con i corrispondenti. Tenendo viva la trasmissione. Un traino perfetto per la straordinaria del Tg1, a cui poi ha ceduto la linea. Brava Daniele. GABBIA SOCIAL Le critiche fanno bene e portano fortuna. Mercoledì scorso la Gabbia di Paragone ha registrato il suo record stagionale di ascolti (4,1%) e soprattutto ha portato a casa 11.600 tweet (8 mila in più di Virus). Inoltre il linguaggio rissoso e grillino del programma cattura le fasce più ricercate dagli inserzionisti. La più numerosa è quella tra i 40 e i 50 anni. In maggior parte sono residenti al Nord e laureati. Mercoledì scorso Paragone ha imbarcato anche parecchi 30enni. In pratica un terzo degli spettatori aveva un’età compresa tra i 25 e i 54 anni. Un peso specifico niente male che farà di sicuro piacere a Urbano Cairo, sempre a caccia di inserzionisti. Lo stesso Floris che fa più ascolti di Paragone ma è visto da un pubblico più maturo. IL RISVEGLIO DI MATTINO 5 Continua il buon momento del contenitore del mattino di Canale 5. Gli ascolti sono tornati intorno al 17%. QUANTICO BOOM Le prime due puntate della serie Quantico su Fox sono state viste da circa mezzo milione di spettatori complessivi. COURMAYEUR Il Capodanno 2016 non sarà trasmesso in diretta su RaiUno da Courmayeur. Motivazioni legate alla crisi. In lizza c’è Matera, la capitale della Cultura. I GRAFFITI DI BUFFA Graffiti, chi li l’odia e chi li ama. Stasera alle 21,10 su Sky Arte Hd Federico Buffa prova a spiegarli, andando alla scoperta delle radici del Writing con Graffiti a New York, una produzione originale Sky Arte, scritta e diretta da Francesco Mazza.  

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA