Al Tg3 torna Orfeo e la Restaurazione, l’Usigrai non ci sta. Il sindacato contro la lottizzazione. Il consigliere scelto dai dipendenti Laganà si chiama fuori per protesta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il giorno delle nomine è arrivato. A viale Mazzini oggi scatterà l’atteso riequilibrio in salsa giallorosa dopo mesi in cui si è perpetuato il potere gialloverde. Ma all’insegna della restaurazione. Manovre contro cui si scaglia il sindacato interno Usigrai e il consigliere scelto sempre dai dipendenti Rai, Riccardo Laganà. Dal CdA atteso il via libera per Mario Orfeo alla direzione del Tg3, con Giuseppina Paterniti incredibilmente messa da parte e spedita, nonostante gli ottimi risultati raggiunti, alla direzione dell’offerta informativa Rai. Per Franco Di Mare arriverà la direzione di Rai3 e nella partecipata Rai Way, in rappresentanza della capogruppo ci saranno Giuseppe Pasciucco presidente e Aldo Mancino amministratore delegato. Per Rai Com invece presidenza a Teresa De Santis e amministratore delegato Monica Maggioni, che dovrebbe dimettersi poi il 1 giugno e avere un suo programma su Rai1, lasciando la poltrona di amministratore delegato ad Angelo Teodoli. Ancora: per Rai Cinema si conferma amministratore delegato Paolo Del Brocco e presidente Nicola Claudio. E a Rai Pubblicità arrivano i consiglieri Monica Caccavelli e Maurizio Fattaccio. “Siamo di fronte a un atto di prepotenza politica. Con i partiti che pervicacemente impongono cambi alla guida di reti e testate”, tuona l’Usigrai. “Nel rispetto delle professionalità individuate non parteciperò al volto per il rinnovo delle società controllate, a parte Rai Way, per protesta rispetto al solito metodo spartitorio dei partiti’’, aggiunge Laganà.