Allerta rossa in California per la diga di Oroville. Rischio esondazione: evacuate 130mila persone (GUARDA LA DIRETTA)

Allerta rossa in California per la diga di Oroville. Rischio esondazione per la rottura di un canale: evacuate 130mila persone

California a rischio, a causa della tenuta della diga di Oroville. Questa è la ragione per cui le autorità hanno ordinato l’evacuazione di 130mila persone nel nord della California a causa dei gravi danni a un canale di scarico della diga di Oroville, danni che – se non si troverà una soluzione – potrebbero causare un’inondazione delle zone circostanti il lago.

Allerta rossa in California per la diga di Oroville. Rischio esondazione: evacuate 130mila persone (GUARDA LA DIRETTA)

“Non è un’esercitazione. Ripetiamo: non è un’esercitazione”, ha avvertito il Servizio metereologico nazionale, invitando le persone che vivono al di sotto della diga, almeno 130mila secondo la stampa Usa, a lasciare la zona e mettersi al sicuro in località più alte. Ad essere danneggiato sarebbe un canale ausiliare di scarico della diga, che è situata a circa 250 chilometri a nord-est di San Francisco, e questo potrebbe causare “una liberazione non controllata” delle acque del lago di Oroville.

GUARDA LA DIRETTA

L’allerta arriva al termine di una settimana di frenetici tentativi di evitare la crisi dopo che la riserva idrica dietro la più alta diga statunitense ha raggiunto la sua capacita’ limite a causa delle forti piogge e il suo principale canale di scarico è risultato danneggiato. Sabato, il livello è salito così tanto che è stato utilizzato per la prima volta un canale di emergenza: le autorità hanno inizialmente pensato che funzionasse, ma domenica dopo che altre acque sono confluite nel bacino, si è scoperta una crepa causata dall’erosione. Una prima buona notizia sembra essere arrivata nella serata di domenica, quando la fuoriuscita delle acque dal principale canale di scarico ha cominciato ad allentare la pressione.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 12:02
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram