Amanda Knox torna in Italia. Sabato parteciperà a Modena a un incontro nell’ambito del Festival della Giustizia penale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Amanda Knox il prossimo 13 maggio tornerà in Italia per la prima volta dopo essere stata scarcerata, e poi definitivamente assolta, dall’accusa di avere partecipato, il 1 novembre 2007, a Perugia, all’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. Knox sabato parteciperà a Modena a uno degli incontri del Festival della Giustizia penale. Il Festival è promosso dalla Camera penale di Modena ‘Carl’Alberto Perroux’ e da ‘Italy Innocence Project’. L’incontro avrà come tema centrale quello dell’errore giudiziario. “Il processo penale mediatico” il tema dell’incontro del quale sarà protagonista la giovane americana.

La giovane finì al centro di una delle vicende giudiziarie più controverse degli ultimi anni, cominciata la notte del primo novembre del 2007 quando Meredith Kercher venne uccisa con una coltellata al collo in un’abitazione di Perugia presa in affitto con l’americana (entrambe erano in Italia per studiare) e due italiane. Knox e il suo allora fidanzato Raffaele Sollecito, dopo pochi giorni vennero accusati di essere gli autori dell’omicidio per il quale non è mai stato individuato dagli inquirenti un movente preciso.

Il 27 marzo del 2015 la Cassazione mise definitivamente fine al procedimento assolvendo Knox e Sollecito “per non avere commesso il fatto”. La vicenda è poi finita anche all’esame della Corte europea per i diritti umani. E secondo i giudici di Strasburgo l’Italia ha violato il diritto alla difesa di Knox. Decisione poi impugnata dal governo italiano davanti alla Grande Chambre.