Trombosi e vaccini: quali sono i sintomi su cui vigilare? Il video di Antonella Viola a Piazzapulita

antonella viola piazzapulita video trombosi vaccini sintomi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Antonella Viola a Piazzapulita da Corrado Formigli ha parlato di trombosi e vaccini, spiegando quali sono i sintomi su cui è necessario vigilare. “Se una persona dopo il vaccino ha mal di testa persistente, problemi di visione, difficoltà respiratoria, dolore addominale e dolore alle gambe deve chiamare il proprio medico. E segnalare questa cosa”, ha detto l’immunologa dell’Università di Padova.

Trombosi e vaccini: quali sono i sintomi su cui vigilare? Il video di Antonella Viola a Piazzapulita

Antonella Viola ha parlato della Vitt, ovvero della sindrome denominata trombocitopenia trombotica immune indotta da vaccino (Vitt è l’acronimo inglese). Due studi appena pubblicati sulla prestigiosa rivista New England Journal of Medicine ne parlano a proposito della vaccinazione con AstraZeneca, Johnson & Johnson e Pfizer-BioNTech. Ovvero tre dei quattro vaccini contro il coronavirus Sars-CoV-2. Gli studi analizzano le complicazioni in undici soggetti tedeschi e austriaci e cinque norvegesi, prevalentemente donne.

I sintomi sono difficoltà respiratoria, dolore al petto, forte mal di testa, dolore addominale persistente, vista offuscata, vertigini e comparsa spontanea di lividi. Questi sintomi compaiono da 5 a 20 giorni dopo la vaccinazione e sembrano correlare la produzione di anticorpi nei confronti di una proteina prodotta dalle piastrine che si chiama FP4. A oggi, casi di trombosi con caratteristiche di Vitt sono stati riportati in diversi Paesi europei. Ed Ema (l’Agenzia europea per i medicinali) ne ha suggerito il legame causale con il vaccino AstraZeneca. Anche Aifa (l’Agenzia italiana per il farmaco) ha sostenuto questa correlazione e ha proposto che in Italia il vaccino sia dato solo agli over 60.

Leggi anche: La bufala dei voli vietati ai vaccinati per il rischio trombosi

Secondo le Scienziate per la Società, un gruppo di studiose di vertice che ha unito varie competenze per contribuire a risolvere problematiche sociali sulla base di evidenze scientifiche esiste una terapia per curare la trombocitopenia o Vitt. La terapia prevede l’infusione di immunoglobuline ed anticoagulanti non eparinici. L’eparina, che i medici di solito danno in questi casi, è invece dannosa. L’Fda americana martedì, nel sospendere Johnson&Johnson, ha messo in guardia: “La terapia per questa  forma specifica di coagulazione del sangue è diversa da quella usata normalmente.  Di solito viene usato l’anticoagulante eparina. In questa condizione, l’eparina potrebbe rivelarsi pericolosa”.

Leggi anche: Vitt: cos’è la trombosi venosa e cosa c’entrano i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA