Balotelli abbassa la cresta. Regole ferree per super Mario. Al Milan è vietato sbagliare…fino alla prossima balotellata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chissà se durerà. Questa volta super Mario lo ha promesso, ma lo aveva già fatto altre volte in passato, di mettere finalmente la testa a posto. Dall’Inghilterra ce lo hanno rispedito volentieri e di corsa in Italia, il Liverpool gli pagherà anche parte dell’ingaggio pur di toglierselo di torno. E il Milan ha tentato l’azzardo. Balotelli ha le doti tecniche del campione, di chi può fare la differenza, se solo mettesse la testa a posto. Ah già, la testa. Da lì riparte Balotelli che ai primi allenamenti si è presentato anche senza il crestino che lo ha contraddistinto. Poche parole e tanto lavoro, è la promessa fatta da Mario. Riparte dalla numero 45 che aveva lasciato poco tempo fa. “Sono felice di essere tornato, non ho tante parole, sinceramente. Aspetto solo di allenarmi e dimostrare”, ha spiegato l’attaccante, che un anno fa definì “un errore” aver lasciato la Premier League per la Serie A. “Fisicamente sto anche abbastanza bene, devo soltanto allenarmi con la squadra. Ho sempre avuto il Milan nel cuore, quindi ho sempre sperato di poterci tornare. Chiudere la carriera al Milan? Devo cominciare a lavorare e fare un buon anno, poi penseremo al domani”. Intanto ci sono le regole di Sinisa Mihajlovic da rispettare. Un sergente che certo non sarà tenero.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA