CambieRai direttori Tg. Via libera a Ida Colucci al Tg2 e Luca Mazzà al Tg3. Ma i dem Gotor e Fornaro si dimettono dal cda

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo tanti rumors, arriva il via libera del consiglio di amministrazione Rai alle nomine ai tg. Ida Colucci è promossa al Tg2 al posto di Marcello Masi, Luca Mazzà scelto per sostituire Bianca Berlinguer al Tg3, Andrea Montanari al Gr-Radio1 e Nicoletta Manzione a Rai Parlamento.

Restano in sella Mario Orfeo al Tg1 e Vincenzo Morgante alla TgR. Sei i voti favorevoli. Hanno votato contro Arturo Diaconale, Giancarlo Mazzuca e Carlo Freccero. Tra i consiglieri della maggioranza, in particolare Rita Borioni (vicina a Matteo Orfini) e Franco Siddi, sono state espresse varie critiche e rilievi su tempi e metodi delle scelte del direttore generale Campo Dall’Orto, ma alla fine hanno votato a favore insieme al renziano Guelfo Guelfi, al centrista Paolo Messa, alla presidente Monica Maggioni e al consigliere indicato dal Tesoro Marco Fortis. La “partita” è dunque finita 6 a 3.

Appresa la decisione del cda, la prima reazione è stata quella dei senatori del Pd Miguel Gotor e Federico Fornaro, che si sono dimessi dalla commissione di Vigilanza Rai. Con accuse gravissime sul modus operandi che ha portato alle nuove nomine, che a sentire i due esponenti democratici “sono state fatte in modo non trasparente, penalizzando competenze e professionalità interne, come ad esempio nel caso di una giornalista autorevole quale Bianca Berlinguer, senza che emergano un profilo e una visione di un moderno servizio pubblico”. “Il Pd – hanno aggiunto – non è nato per riprodurre i vizi del passato, ma per cambiare l’Italia e, convinti che un altro Pd sia possibile, ci dissociamo da uno stile e da un costume politico che non ci appartiene”.

Per Gotor e Fornaro, l’azione dei vertici di Viale Mazzini “risponde unicamente a logiche di occupazione governativa del servizio pubblico, in forme per molti versi inedite e in contrasto con il principio costituzionale del pluralismo culturale e politico”.