Ci mancava il Coronabusiness. Burioni non perde tempo: l’emergenza è già un libro. Il virologo star in tv spiega come salvare l’umanità

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Roberto Burioni è a dir poco incredibile. No, non è solo un eminente scienziato, non è solo un fine virologo, non è solo un accademico preparato. È, ahinoi, molto di più. Che abbia saputo da tempo sfruttare e intercettare i nuovi canali di comunicazione, non è una sorpresa. E in questi giorni non ha fatto che parlare (e far parlare) di sé con l’emergenza (o scusa?) del Coronavirus, in maniera scaltra e scafata. Ed ecco il colpo a sorpresa: la pubblicazione di un libro proprio sul tema. Ma per capire il personaggio, le sue piroette, facciamo un passo indietro.

Il 2 febbraio 2020, dagli studi di Che tempo che fa, il Renzi della scienza così pontificava: “In Italia il rischio è zero. Il virus non circola”. E ancora: “Questi allarmi continui non sono necessari: bisogna basarsi solo sui casi confermati ed è davvero odiosa questa discriminazione contro i cinesi e contro gli italiani di origine cinese. È una cosa barbara”. Stupisce che proprio lui, il nostro Burioni, pronto sui social a inchiodare chiunque mostri una punta di incoerenza, abbia nel giro di qualche settimana cambiato opinione, spingendosi finanche ad attaccare “la signora del Sacco” – e cioè Maria Rita Gismondo, virologa in prima linea essendo la responsabile del laboratorio dell’ospedale Sacco di Milano, in cui vengono analizzati da giorni i campioni di possibili casi di coronavirus – rea di aver detto: “A me sembra una follia. Si è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale. Non è così. Guardate i numeri”.

Che importa se la posizione, col passare dei giorni, sia stata fatta propria anche dal commissario ministeriale per l’emergenza coronavirus Walter Ricciardi e da Giovanni Rezza dell’Istituto Superiore di Sanità. Ieri, finalmente, la rivelazione. Sui suoi canali social Burioni ha annunciato un evento tanto inaspettato quanto – per alcuni – inquietante: la pubblicazione di un nuovo libro. E indovinate, di grazia, di cosa si occuperà? Basta leggere il titolo per capirlo: “Virus. La grande sfida”. Sottotitolo: “Dal coronavirus alla peste. Come la scienza può salvare l’umanità”.

Evviva. Prima ancora che si conoscano i contorni di questo virus, prima ancora che ci sia una cura o un vaccino, il nostro Burioni 2.0, dopo aver cambiato opinione, dopo varie piroette e aver attaccato chi abbassava i toni alzandoli il più possibile, rende nota la pubblicazione di un libro. Se ci si dovesse basare su un assioma logico – e dunque razionale e scientifico – verrebbe da dire che qui c’è un legame di causa-effetto abbastanza evidente. Ma la scienza sembra proprio non c’entri nulla. Business is business. Anzi, Coronabusiness.