Claudio Belfiore, chi è? Rapporto con Mia Martini e amicizia con la cantante

Claudio Belfiore Mia Martini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi è Claudio Belfiore, l’amico e stilista della cantante Mia Martini, deceduta improvvisamente il 12 maggio 1995. Insieme a David Baldan Bembo e Mario Lavezzi, è stato ospite di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno per ricordare l’artista scomparsa da ormai 27 anni.

Claudio Belfiore, chi è? Rapporto con Mia Martini e amicizia con la cantante

Nel pomeriggio di giovedì 12 maggio, nello studio di Oggi è un altro giorno, la conduttrice Serena Bortone ha voluto ricordare la cantante Mia Martini, deceduta il 12 magio 1995. A ricordare la cantante, insieme a Serena Bortone, erano presenti in studio Dario Baldan Bembo, il compositore Mario Lavezzi e Claudio Belfiore.

Claudio Belfiore, come ricordato dalla sorella di Mia Martini, Olivia Bertè, era uno dei più intimi amici dell’artista.

La stessa Mia Martini, durante un’intervista rilasciata a Milo Gualano, aveva sottolineato il profondo rapporto di amicizia con l’uomo e aveva dichiarato: “il mio look è affidato ad un mio amico stilista, Claudio Belfiore, che mi è sempre stato molto vicino. Io ho delle grandi amicizie che durano da anni”.

Mia Martini: carriera e successi

Mia Martini, pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè nota come Mimì, era nata a Bagnara Calabra il 20 settembre 1947 ed è morta a Cardano al Campo il 12 maggio 1995.

Da sempre, è considerata una delle voci più belle ed espressive della musica leggera italiana, dotata di un’incredibile estensione vocale.

Ha debuttato con l’album Oltre la collina e il singolo Padre davvero, considerati tra i migliori lavori italiani mai realizzati.

Nel corso della sua carriera, ha realizzato successi come Piccolo uomo, Donna sola, Minuetto, Bolero, Inno, E stelle stan piovendo, Al mondo, Donna con te, Che vuoi che sia se t’ho aspettato tanto, Per amarti e La costruzione di un amore.

È stata l’unica interprete femminile ad aver vinto il Festivalbar due volte di seguito con Piccolo Uomo nel 1972 e con Minuetto nel 1973.