Da Sanremo alle top ten grazie alle radio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marcello Villella

A un mese esatto dal Festival di Sanremo il quadro è chiaro: la classifica finale del Festival ha fotografato quasi esattamente gusti degli acquirenti e degli operatori radiofonici. Infatti se nella classifica dell’ airplay (i brani più trasmessi dalle radio) Marco Mengoni è in testa fra i brani sanremesi, seguito a breve distanza dai Modà e dal “sorprendente” Max Gazzè (l’unico sottovalutato dalla classifica dell’Ariston), precedendo Chiara Galiazzo e Elio e le Storie Tese, anche la classifica delle vendite (pardon dei download) conferma queste posizioni, con la sola differenza del giovane Antonio Maggio nelle prime posizioni e con la Galiazzo un poco più giù.
Finiti i tempi in cui si arrivava ultimi (o si veniva eliminati) al Festival per poi raggiungere subito dopo i primi posti della classifica? Forse, anche perché sono cambiate tante cose: i Modà sono prodotti da una etichetta, la Ultrasuoni, di proprietà di tre fra i più importanti network radiofonici italiani (Rtl, Radio Italia, Dimensione Suono) per cui la rotazione radiofonica è assicurata in partenza, e molti dei protagonisti dei “talent show” televisivi (in gran parte targati o legati alla Sony) capitalizzano la loro esposizione mediatica proprio al Festival. Non è un caso che Alessandro Massara, presidente della rivale Universal Italia, che detiene i diritti discografici del format The Voice da poco partito su Rai 2, ha dichiarato a Rockol che attraverso il nuovo talent spera di “trovare degli interpreti che possano conquistarsi una presenza significativa sul mercato discografico, visto che – abbiamo verificato anche al Festival di Sanremo – a vincere tra i Campioni e i Giovani sono stati ex concorrenti di X Factor”.
Sarà sempre più questa – come aveva previsto Ivano Fossati – la sola musica destinata a ‘girarci intorno’?

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA