Dov’è il cambio di passo? Il Dpcm di Draghi non convince Gimbe. Cartabellotta: “Non è coerente con la risalita delle curve, con la diffusione delle varianti e con la carenza dei vaccini”

NINO CARTABELLOTTA
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’impianto conservativo del nuovo Dpcm non è coerente con la risalita delle curve, con la rapida diffusione delle varianti e con la carenza dei vaccini. Dov’è il cambio di passo nella gestione della pandemia di Covid-19?” È quanto ha scritto, ieri sera, su Twitter, commentando i contenuti del primo decreto firmato dal premier Mario Draghi (leggi l’articolo), il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta. “Dopo oltre un anno – ha aggiunto il medico in un altro tweet – i politici continuano a non capire le dinamiche della pandemia”.