Due anni fa la tragedia dell’Hotel Rigopiano. Oggi a Farindola la cerimonia in ricordo delle 29 vittime con Salvini e Di Maio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ricorre oggi il secondo anniversario della tragedia dell’hotel Rigopiano di Farindola, in provincia di Pescara, dove il 18 gennaio 2017 persero la vita 29 persone e 11 si salvarono dopo aver passato ore sotto le macerie del Gran Sasso resort. Il Comitato vittime di Rigopiano, a due anni dalla tragedia, ha promosso una giornata per il ricordo delle vittime alla presenza dei vicepremier Matteo Salvini e Luigi di Maio.

Una fiaccolata e una messa, seguita da un omaggio cantato in memoria di chi perse la vita all’hotel Rigopiano. Nel pomeriggio, al Palazzetto dello Sport di Penne, è prevista la commemorazione con personalità del mondo dello spettacolo e della cultura, fin dall’inizio vicine ai parenti.

Salvini al suo arrivo a Farindola ha salutato i parenti delle vittime e si è recato nel luogo delle tragedia, dove una volta c’era il resort. Il vicepremier ha ascoltato i racconti dei parenti e ha poi chiesto informazioni sulla situazione del luogo. “Lo stato c’è adesso nel dl Semplificazione che arriva in aula un provvedimento per aiutare i sopravvissuti e 10 milioni di euro”, ha detto Salvini nel corso di una diretta Facebook. “Noi ci siamo”, ha ribadito, invece, il vicepremier Di Maio incontrando i familiari delle vittime. Il leader del M5S si è intrattenuto a parlare con Gianluca Tanda, del Comitato Vittime di Rigopiano.

Sulla tragedia sono state aperte due inchieste giudiziarie. Quella principale coinvolge 25 indagati (24 persone e una società) ai quali la Procura di Pescara, a vario titolo, contesta i reati di disastro colposo, lesioni plurime colpose, omicidio plurimo colposo, falso ideologico, abuso edilizio, omissione d’atti d’ufficio, abuso in atti d’ufficio e reati ambientali. Una seconda inchiesta, a carico di altri 7 indagati, ipotizza i reati di frode in processo penale e depistaggio a carico del personale della Prefettura del capoluogo abruzzese, compreso l’ex prefetto Francesco Provolo.