Fake news sulle bollette elettorali. Anche il Pd smentisce il giornale di De Benedetti. Una buona notizia utilizzata per denigrare il Governo Conte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il calo delle bollette di luce e gas, rispettivamente dell’8,5% e del 9,9%, annunciato dall’Autorità per l’Energia (Arera) secondo la legge che prevede di formulare le tariffe in base all’andamento dei prezzi internazionali delle materie prime, per il giornale La Repubblica è una marchetta elettorale per favorire il Movimento 5 Stelle. Peccato che si tratti di una fake news. A dirlo è stato anche Carlo Stagnaro, a capo della segreteria tecnica dell’ex Ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi durante il governo Renzi, che ha smascherato su twitter la propaganda del quotidiano di De Benedetti e di Agnelli, ricordando la semplice verità: Arera “non ha agito per compiacere” il Governo, ma “ha solo svolto correttamente il suo lavoro (nel rispetto di quanto previsto dalle leggi e dalla disciplina di settore)”. Repubblica “tratta Arera come se fosse il braccio operativo del Ministero dello Sviluppo economico. Ma l’Autorità è un organismo indipendente, la cui autonomia deriva dalle direttive europee e che deve al Parlamento, non al Governo, la sua legittimazione”. Così quella che doveva essere una buona notizia per tutti gli italiani che pagheranno bollette più leggere, è stata trasformata in un falso strumento per denigrare il Governo Conte. Peccato che fosse una panzana talmente grande da essere stata smascherata anche dal Pd.