Francesca Manzini, chi è? Fidanzato, padre e la lotta alla malattia

Francesca Manzini, chi è
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Francesca Manzini, chi è: la famosa imitatrice è diventata famosa prima in radio e poi in televisione presentandosi ogni volta con un nuovo personaggio.

Francesca Manzini, chi è: vita privata

Francesca Manzini è nata a Roma 10 agosto 1990. Senza particolari studi in merito alla recitazione, è diventata famosa in particolare per le sue imitazioni: Mara VenierSabrina Ferilli, Chiara Ferragni e Belen. Inoltre, ha lavorato anche come conduttrice al fianco di Gerry Scotti in Striscia la Notizia.

La sua esperienza nasce nei locali e nei villaggi turistici sempre come imitatrice, poi a 26 anni è arrivata l’occasione professionale a Tutti pazzi per RDS, il programma radiofonico.

Francesca Manzini: fidanzato

Manzini ha dovuto rinunciare al matrimonio con l’attore e doppiatore Christian Vitelli saltato a un passo dal si. “Era idealizzazione. Lui è un uomo buono, una bella persona, ma aveva 46 anni. Troppi più di me. Quando c’è tanta differenza d’età ci si può appoggiare insieme, ma l’amore non è un appoggiarsi insieme. L’amore deve essere una costruzione a due”.

Attualmente, Manzini è fidanzata con  Marco Scimia, 35enne di professione barbiere. Il ragazzo è noto anche per la sua somiglianza con il celebre attore Johnny Depp.

Padre

Suo padre è il team manager sportivo Maurizio Manzini, uno dei dirigenti della Società Sportiva Lazio. Non è un caso che l’imitatrice è una grande tifosa della Lazio. Inoltre, negli ultimi tempi sono riusciti a riallacciare i rapporti con il padre dopo un periodo di conflitti.

Lotta alla malattia

Francesca ha sofferto di due gravi disturbi alimentari. È stata dapprima anoressica, a soli 18 anni: è arrivata a pesare 47 kg. Una volta sconfitta l’anoressia però, è caduta nel baratro della bulimia.

Inoltre, ha dovuto affrontare anche una operazione per un tumore al collo dell’utero. La famosa imitatrice ha parlato così della sua operazione: “Il giorno prima dell’operazione andai al mare e mi dissi: la vita va semplificata. I pensieri e le persone ti fanno ammalare. Nel mio caso fu una persona a causarmi un dolore che mi ha quasi ucciso” e poi ha aggiunto. “Dopo l’operazione non sono più vorace di cibo e di vita. Non permetterò più a nessuno di farmi del male”.