Gravina è il nuovo presidente della Federcalcio. Eletto dall’assemblea alla prima votazione, era candidato unico. Le prime parole: “Cambiamo verso, il calcio non può più aspettare”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gabriele Gravina, candidato unico alla presidenza della Federazione Italiana Giuoco Calcio (Figc), è stato eletto alla prima votazione dall’assemblea della Federcalcio riunita a Roma, col 97,20% dei voti. Il presidente dell’assemblea, Mario Pescante, ha dato conto dei dati relativi alla votazione: accreditati 485,77, voti espressi validi 485.77, quorum 364.33. Gravina ha ottenuto 472,15 voti, pari al 97.20%. Le schede bianche sono state 13.62, pari al 2,80%. Dopo la proclamazione, Pescante ha dichiarato chiusa l’assemblea.

“Ringrazio tutti per il supporto e il sostegno: Gabriele è uno di voi, uno che vuole cambiare e rilanciare il calcio italiano” le prime parole del neo eletto presidente della Federcalcio.  “Cambiamo verso e direzione – ha aggiunto Gravina -, puntiamo a coltivare la passione di tanti dirigenti del calcio italiano, per far sì che ci sia la massima professionalità.  Risponderemo con i fatti, i comportamenti e il lavoro. Bisogna saper sognare – ha aggiunto -, progettare e credere. Il calcio non può più aspettare, andiamo insieme. Il 97,20% vuol dire che il calcio italiano ha maturato l’idea che deve cambiare”.

Il neo presidente della Figc ha 65 anni, è laureato in Giurisprudenza, pugliese di origini ma abruzzese d’adozione. Dal 1984 al 1996 è stato presidente del Castel di Sangro conquistando 5 promozioni, fino in B. E’ stato consigliere della Lega della Serie C e consigliere della Federcalcio, poi prima all’Uefa e poi negli anni Duemila come capodelegazione della Nazionale Under 21 per tre campionati europei e due olimpiadi. Dal 2015 fino al 16 ottobre scorso è stato presidente della Lega Pro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA