Giro d’Italia capovolto dalla cronometro. Dumoulin vola in testa alla classifica generale, Nibali recupera su Quintana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Giro d’Italia 2017 dato per finito dopo l’arrivo in salita sul Blockhaus è stato riaperto subito dalla cronometro individuale. Rivoltando la classifica generale. L’olandese Tom Dumoulin, noto con il soprannome “la Farfalla di Maastricht”, ha infatti conquistato sia la frazione che la maglia rosa, infliggendo pesantissimi distacchi agli altri avversari. Alle sue spalle si sono piazzati Geraint Thomas e il lussemburghese Bob Jungels, rispettivamente a 49″ e 56″: sono stati gli unici due a perdere meno di un minuto.

La 10a tappa è stata molto dura per il colombiano Nairo Quintana, ora scivolato da oltre 2 minuti dal leader. Il sudamericano ha perso molto terreno anche da Vincenzo Nibali: lo Squalo siciliano ha dosato bene lo sforzo, chiudendo al sesto posto la crono limitando i danni anche dal vincitore di giornata. Il francese Thibaut Pinot, secondo in classifica alla partenza, ha tradito le aspettative: alla vigilia si parlava di una crescita nelle gare contro il tempo, ma nei fatti questo aspetto non si è visto soprattutto nella fase finale.

Ottima la prova anche del gallese Thomas, che come accennato è riuscito a perdere meno di un minuto dal vincitore: nonostante la caduta di domenica, ha ottenuto una preziosa seconda posizione. Il capitano del Team Sky non ha quindi perso le speranze di chiudere tra i primi 5 della classifica generale, anche se è chiamato a recuperare ancora molto terreno.

Il bilancio dopo 10 tappe parla di un Dumoulin che può ambire addirittura alla vittoria, vista la netta supremazia a cronometro. Situazione ben diversa per il suo connazionale Kruijswijk, l’anno scorso grande protagonista: il ritardo è superiore ai 5 minuti. Con una concorrenza così folta non ha grandi ambizioni di vittoria.

La classifica generale del Giro d’Italia 2017 dopo la 10a tappa

1° Tom Dumoulin
2° Nairo Quintana a 2’23”
3° Bauke Mollema a 2’38”
4° Thibaut Pinot a 2’40”
5° Vincenzo Nibali a 2’47”
6° Bob Jungles a 3’56”
7° Domenico Pozzovivo a 4’05”
8° Ilnur Zakarin a 4’17”
9° Andrey Amador a 4’39”
10° Steven Kruijswijk a 5’19”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA