Il 64,9% degli italiani vuole che il vaccino anti-Covid sia obbligatorio. In molti temono un nuovo lockdown. Intanto dopo la Russia anche la Cina è pronta a produrlo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La maggioranza degli italiani, il 64,9%, vuole che il vaccino anti-Covid-19, quando sarà disponibile, “venga reso obbligatorio per tutti”. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato, in esclusiva per Affaritaliani.it, da Roberto Baldassari, direttore generale di Lab21 e docente di Strategie delle ricerche di opinione e di mercato all’università degli studi RomaTre. Contro l’obbligatorietà del vaccino anti-coronavirus si è espresso il 35,1% del campione intervistato. “Un nuovo lockdown in Italia a causa del Covid-19 ci sarà sicuramente secondo il 58,2% degli italiani. Chi ritiene che non ci sarà una nuova ondata di contagi che porterà alla seconda chiusura totale del Paese dopo l’estate è il 41,8% del campione”.

Intanto anche la Cina, dopo l’annuncio della Russia, ha dato la sua prima approvazione a un possibile vaccino contro il Covid-19. Si chiama ‘Ad5-nCoV è stato sviluppato da CanSino Biologics insieme all’Istituto di biotecnologia dell’Accademia delle scienze mediche militari. Il via libera al farmaco, spiegano dalla China National Intellectual Property Administration, consentirà la produzione di massa in tempi rapidi nel caso di un ritorno della pandemia. Il via libera è arrivato l’11 agosto scorso ma è stato reso noto solo ora, “e’ un’ulteriore conferma dell’efficacia e della sicurezza” del prodotto messo a punto, ha detto in una nota il gruppo di Tianjin.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA