Il Colle allunga la vita a Vianello. Il dopo Napolitano fa slittare la riforma del cda Rai. Proroga per Gubitosi e il direttore di Raitre si salva

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

L’elezione del presidente della Repubblica è vista di buon occhio dai vertici della Rai. La decisione di Napolitano di lasciare il Quirinale, infatti, allunga la vita al dg Luigi Gubitosi e all’attuale cda di Viale Mazzini. Le cariche verranno sicuramente prorogate, visto che per le nuove nomine occorre una legge, che però non potrà arrivare prima dell’elezione del Capo dello Stato e delle riforme. Un sospiro di sollievo per un altro direttore finito in odore di rimozione. Si tratta di Andrea Vianello, nel mirino per alcuni risultati negativi negli ascolti di Raitre, soprattutto per la scelta del conduttore di Ballarò, Massimo Giannini. Tuttavia, quello che appare sicuro è il fatto che finché ci sarà Gubitosi al comando dell’azienda, Vianello resterà al suo posto.

RICKY MARTIN NON È THE VOICE
Continuano gli sforzi dei produttori di Toro per portare a Raidue il coach che dovrà prendere il posto di Raffaella Carrà, passata a Raiuno alla guida del talent Forte Forte Forte. Il rifiuto di Ricky Martin ha spiazzato gli organizzatori che ora stanno cercando un cantante di alto profilo. In ribasso le candidature di Gianni Morandi e Gianna Nannini, non entusiasti di far parte del progetto. Mentre si stanno facendo sforzi notevoli per ingaggiare Laura Pausini. Un altro super colpo sarebbe Claudio Baglioni. Per quanto riguarda gli altri coach sicure le conferme di J-Ax e Piero Pelù. Anche Noemi dovrebbe far parte della nuova avventura dopo che per un periodo di tempo si era parlato di una sua sostituzione.

BENIGNI PADRONE DELLA RAI
Il Natale e il Santo Stefano sono santificati ai Dieci Comandamenti di Roberto Benigni (alle 17.45) su Radio 2 che riproporrà la trasmissione. Così come farà Rai5 in prime time, sempre il 25 e il 26. Lunedì prossimo invece, alle 21.15, Raiuno trasmetterà il film di Roberto Benigni Il mostro del 1994, basato sulla sceneggiatura scritta dallo stesso Benigni in collaborazione con Vincenzo Cerami.

PICARDI RADDOPPIA
Il consiglio d’amministrazione di Tivù, la società partecipata di Rai, Mediaset, TiMedia, Confindustria Radio Tv e Aeranti-Corallo, nata nel 2008 per promuovere la diffusione del digitale terrestre free e lanciare TivùSat, ha un nuovo presidente. Si tratta di  Alessandro Picardi, scelto all’unanimità sia dall’assemblea dei soci sia dal cda di Viale Mazzini. Picardi conserva la sua carica in Rai di direttore relazioni istituzionali e internazionali.

LA SISTINA DI FLORIS
Le telecamere di diMartedì, il talk di La7, entreranno dentro la Cappella Sistina per mostrare i capolavori visti ogni anno da 6 milioni di visitatori. Durante la puntata di martedì 23 dicembre, Giovanni Floris porterà i telespettatori al cospetto dei grandiosi affreschi di Michelangelo, avvalendosi di una guida d’eccezione: il direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci.

SOLO PER AMORE SU CANALE 5
A quante prove può resistere un vero amore? Fino a che punto un uomo e una donna possono allontanarsi, diventare estranei, nemici, per poi riunirsi e lottare insieme per salvare la loro famiglia? Boh! Le risposte a queste domande ce le darà (forse), la fiction di Canale 5. Dopo il successo di Le tre rose di Eva, arriva dal 7 gennaio Solo per amore, la nuova serie in dieci puntate da 80 minuti prodotta da Endemol Italia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA