Jova Beach Party, inchiesta aperta dalla Procura di Lucca per danni ambientali. Salvini interviene in difesa del tour

Jova Beach Party, inchiesta aperta dalla Procura di Lucca per danni ambientali. Inoltre, sulla vicenda interviene anche Salvini.

Jova Beach Party, inchiesta aperta dalla Procura di Lucca per danni ambientali dall’evento del cantante che si tiene sulle spiagge italiane. Scende in campo anche la politica con il leader della Lega Matteo Salvini che difende il tour.

Jova Beach Party, inchiesta aperta dalla Procura di Lucca per danni ambientali. Salvini interviene in difesa del tour

Jova Beach Party, inchiesta aperta dalla Procura di Lucca per danni ambientali

Non si placano le polemiche sul Jova Beach Party di Lorenzo Jovanotti. Dopo le accuse all’inizio del mese di agosto da parte delle Associazioni, la Procura di Lucca ha aperto un’inchiesta sull’evento dell’artista in programma sulla spiaggia del Muraglione, a Viareggio, tra il 2 e il 3 settembre.

Non ci sarebbero al momento indagati ma è stato aperto soltanto un fascicolo contro ignoti. L’ipotesi seguita dagli inquirenti è la violazione dell’articolo 733bis del codice penale “Distruzione o deterioramento di habitat all´interno di un sito protetto”. Un’inchiesta che è nata da un esposto di ambientalisti fondato su uno studio del professor Giovanni Baccaro dell’Università di Trieste sul “campionamento della vegetazione psammofila realizzato nell’area del Muraglione di Viareggio ad inizio agosto” che mostrerebbe le criticità di organizzare un evento del genere in zona.

Tuttavia, l’ARPAT – Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana – ha sottolineato come la spiaggia «non ricade nel perimetro del Parco di Migliarino San Rossore per cui non è soggetta a divieti o ad azioni di protezione particolare». Inoltre, il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro sostiene che quella «non è una spiaggia storica. Si è formata negli ultimi 30 anni e noi la chiamiamo nuova perché è frutto di correnti che hanno portato sabbia all’imboccatura del porto, quindi non ci dovrebbero essere problemi collegati al mantenimento di specie protette».

Salvini interviene in difesa del tour

In un post sui social Matteo Salvini ha commentato la notizia dell’apertura di una inchiesta da parte della procura di Lucca in vista del doppio concerto dell’artista Lorenzo Jovanotti Cherubini in programma alla spiaggia del Muraglione a Viareggio il 2 e 3 settembre: “Ma lasciate che gli artisti si esprimano e che i giovani si divertano, accidenti!”.

Già in precedenza, l’8 agosto, con le polemiche sul tour che si infiammavano prima dell’inchiesta, aveva infatti detto: “Adoro la musica e mi piace Jovanotti. Chi dopo la pandemia porta migliaia di ragazzi a divertirsi in maniera sana, va solo aiutato e premiato”.

Leggi anche: Salvini non rinnega il legame con Orbán: la legge ungherese sulla famiglia diventa un modello per l’Italia. Ma l’Ue non è d’accordo

Pubblicato il - Aggiornato il alle 16:08
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram