La Juventus non sfata il tabù. La Champions League resta una chimera: il al Real Madrid vince a Cardiff la seconda Coppa consecutiva

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Real Madrid ha vinto la Champions League 2017, lasciando alla Juventus ancora l’amaro in bocca: la Coppa resta un tabù per i bianconeri che quest’anno avevano assaporato il possibile trionfo grazie a una cavalcata eccezionale. L’impresa nei quarti, con l’eliminazione del Barcellona, aveva creato legittime aspettative.

Ma a Cardiff la finale è terminata con il risultato di 4-1 dopo un secondo tempo disastroso da parte della Juventus: un punteggio severo che racconta come i galacticos abbiano fatto prevalere la maggiore abitudine a gestire partite così importanti. Al contrario la squadra di Massimiliano Allegri ha mostrato il suo volto peggio: i protagonisti più attesi come Higuain e Dybala sono spariti di scena.

La cronaca della finale di Cardiff mette in primo piano il solito Cristiano Ronaldo. Le marcature sono state aperte al 20′ da CR7, ma dopo 7 minuti un capolavoro di Mario Mandzukic ha pareggiato: la sua rovesciata ha alimentato i sogni bianconeri. Dopo l’intervallo, però, la Juventus è rientrata in campo con un approccio negativo. Al 16′ della ripresa, così, è stato Casemiro a riportare avanti la squadra di Zidane. Dopo tre minuti il colpo mortale: CR7 è andato ancora segno. A quel punto per i bianconeri non c’è stato più nulla da fare. A completare l’opera c’è stata l’espulsione di Cuadrado nei minuti finali e la rete di Asensio al 90′ che ha fissato il risultato sul 4-1. Ma la Juve era uscita mentalmente dal campo da almeno venti minuti.