L’estate calda di Andrea Scanzi a La7. Il conduttore è il nome nuovo della rete di Cairo. E a In Onda confermato il tandem Labate-Parenzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Seppure Urbano Cairo stia giocando la partita del Corriere della Sera, i suoi collaboratori di La7 non temono che il patron possa abbandonarli da un momento all’altro. Anzi, l’idea è mettere su un polo sinergico, con il quotidiano più diffuso in Italia e il network che presto, grazie al multiplex, aggiungerà altri canali al generalista La7 e al tematico La7d. Anche quest’anno – come spesso accade – la rete di Cairo approfitterà dell’estate per testare nuovi conduttori e nuovi progetti. Non ci sarà la staffetta a In Onda, la striscia quotidiana che nei due mesi estivi prende il posto di Lilli Gruber. L’anno scorso a luglio hanno condotto Gianluigi Paragone e Francesca Barra, sostituiti ad agosto dal tandem Tommaso Labate e David Parenzo. Questi ultimi due si sono presi tutto il cucuzzaro.

NUOVI TEST – Saranno loro ad andare in onda per i due mesi estivi. Tra l’altro è da qualche tempo che si sono ricavati pure uno spazio invernale, la domenica (dai risultati in linea con la rete in quella collocazione di palinsesto, ma non certo degni di essere segnalati come un exploit). L’estate però consentirà di sperimentare qualche nuovo conduttore. Non sarà Pierluigi Pardo, che pur piacendo molto a Cairo, difficilmente lascerà Mediaset (a meno che non sia chiamato dalla Rai per condurre Quelli che il calcio), o Luca Telese che è in attesa del rinnovo di contratto con Matrix, ma che a La7 non tengono in considerazione proprio per la sua fedeltà al Biscione. Tra l’altro se Pardo dovesse andar via, Telese potrebbe prenderne il testimone a Tiki Taka, seppure un opinionista tifoso non è bello che faccia il conduttore. E Telese ormai si è costruito l’identikit del romanista ultras nel programma di Italia 1, nonostante in verità sia un supporter del Cagliari.

Chi allora potrebbe scegliere Cairo per le domeniche d’estate?

Ovviamente la rosa la sfoglierà assieme al direttore di rete Salini. In pole come conduttore emergente c’è Andrea Scanzi, attualmente presente come opinionista a Otto e mezzo. Non sembrano avere chance Selvaggia Lucarelli, in giuria a Eccezionale veramente, e la Zanzara Giuseppe Cruciani. Sui conduttori Cairo non vuole colpi di testa e teme chi possa diventare all’improvviso ingestibile. Myrta Merlino è tornata a condurre l’Aria che tira e aspetta sempre un segnale per la prima serata. Il suo contratto scade nel 2018, quindi non dovrebbero esserci sorprese. Se Mediaset la vuole, qualcuno dovrà pagare la penale. Anche Andrea Pancani, il conduttore per tutte le stagioni, aspetta una ricompensa, dopo aver fatto da tappabuchi per la malattia della Merlino.

NON NEMICI – Amici di Maria De Filippi non ha copiato il format tratto dal programma La scuola in diretta, in onda su Italia 1 tra dicembre ‘95 e maggio ‘96: lo ha stabilito la Corte d’appello di Roma, confermando il parere del tribunale di Roma. Pensate se ora la De Filippi dovesse fare causa a tutti quei programmi, spuntati come funghi negli ultimi anni, che assomigliano a C’è posta per te? Gli avvocati avrebbero di che lavorare.

Tw: @Marcocastoro1