L’Italia di Ventura non è Immobile. La classifica va avanti, il gioco un po’ meno: ma per i Mondiali è tutto aperto

dalla Redazione
Sport

L’Italia non è Immobile in classifica, perché è Immobile a mandarla avanti. L’attaccante della Lazio ha infatti segnato la doppietta decisiva, regalando tre punti fondamentali alla Nazionale di Giampiero Ventura proprio nel recupero. Dopo il pareggio contro la Spagna, sempre in affannosa rimonta, gli azzurri si tengono a galla nella classifica del Gruppo G: per il primato il discorso è tutto aperto, anche se le Furie Rosse sono apparse qualitativamente superiori. La vittoria in Albania, fino a ieri in vetta al girone, è un’ulteriore conferma.

In Macedonia, dopo il vantaggio iniziale di Belotti, l’Italka ha avuto una fase di black-out nel primo quarto d’ora della ripresa: Nestorovski e Hasani hanno sfruttato l’occasione di ribaltare il risultato facendo presagire il peggio per gli azzurri. Immobile al 75′ e al 91′ ha però confermato di essere il miglior bomber italiano in questo momento.

Gli unici aspetti positivi per Ventura, oltre alla verve di Immobile, sono il carattere della squadra e la crescita dei giovani: in particolare in difesa Romagnoli si candida a un ruolo di protagonista per il futuro della Nazionale, anche se in Macedonia ha mostrato qualche sbavatura. Bene anche l’attaccante Belotti, che ha tutte le qualità per lasciare in disparte il focoso Pellè.

La classifica del girone di qualificazione ai Mondiali dell’Italia
classifica qualificazioni Mondiali.jpg

Le prossime parte dell’Italia in programma per arrivare a Russia 2018
Partite qualificazioni Mondiali.jpg