Monica Maggioni vince la lotteria di viale Mazzini. La direttrice di Rai News24 è il nuovo presidente della Rai. Conta poco il flop del suo canale all news

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Tesoro ha designato Monica Maggioni  per la presidenza della Rai e ha indicato per il nuovo consiglio di amministrazione Marco Fortis. La scelta di Monica Maggioni come presidente della Rai non è certo un premio per i risultati editoriali ottenuti dal canale da lei diretto. Perché RaiNews24, nonostante budget e spese alle stelle, non ha raggiunto lo share sperato rivelandosi un vero flop tra i canali allnews. E’ questo il frutto della mediazione tra il Partito democratico e Forza Italia.

LA PARTITA A SCACCHI TRA PD E FORZA ITALIA
Sarebbe stata una volata rosa a tre. Oltre alla prescelta in ballo per la direzione ci sarebbero state anche Simona Ercolani e Caterina Caselli. La prima è stata bocciata da Forza Italia, mentre la Caselli avrebbe optato per un passo indietro per evitare conflitti d’interessi essendo suo figlio, Filippo Sugar, presidente della Siae (azionista Rai).

PER LA MAGGIONI TANTI INVESTIMENTI E POCHI ASCOLTI
Una media share intorno allo 0,4% per RaiNews24 ha prodotto un sistematico sorpasso da parte del concorrente SkyTg24. Eppure da quando Monica Maggioni dirige il canale allnews della Rai, sono aumente le risorse a disposizione di RaiNews24. Sono molti di più i giornalisti impegnati rispetto a quando a dirigere la rete c’era Corradino Mineo. C’è stato poi un appalto per ridisegnare “il sistema integrato per la produzione” del canale: costato troppo e quindi ritirato. E così, dopo un anno di spese e di inutile procedura, mamma Rai ha dovuto ingranare la retromarcia. Al centro della scena c’è una gara indetta il 18 marzo del 2014 da Viale Mazzini per realizzare a beneficio della testata all news un sistema integrato di produzione nuovo di zecca, al costo di 10 milioni di euro tondi tondi. Una cifra che sin da subito era apparsa estremamente “pesante”. Ebbene dopo tanto spreco il dietrofront.