Massacro a Kramatorsk. Un missile ha colpito la stazione. Ci sono decine di vittime, tra cui bambini. Per Mosca sono state le forze ucraine ad attaccarla

Massacro Kramatorsk
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Massacro a Kramatorsk. Al momento è di 39 morti (ma si parla anche di oltre 50) e più di 100 feriti, il bilancio dell’attacco missilistico che ha colpito la stazione ferroviaria della città del Donetsk in cui è in corso l’evacuazione di civili (qui tutti gli articoli sulla guerra in Ucraina). La televisione Ukraine 24 ha pubblicato su Telegram un video in cui vede un missile, parzialmente distrutto, con la scritta bianca in cirillico “per i bambini”.

Massacro a Kramatorsk, secondo la Difesa russa l’attacco alla stazione sarebbe una provocazione di Kiev

L’agenzia Tass ha riferito che il ministero della Difesa di Mosca ha smentito che l’esercito russo abbia bombardato la stazione di Kramatorsk. Secondo i vertici militari russi l’attacco è una “provocazione” degli ucraini.

Il massacro di Kramatorsk, secondo la difesa di Mosca, sarebbe stato compiuto da un battaglione missilistico ucraino dalla località di Dobropolye. Lo scopo, aggiunge la Tass citando fonti del ministero della Difesa, era “impedire ai civili di partire” per usarli come “scudi umani” da parte dell’esercito ucraino.

“Gli occupanti hanno colpito la stazione ferroviaria di Kramatorsk Point U, dove migliaia di pacifici ucraini stavano aspettando di essere evacuati… Circa 30 persone sono morte, circa 100 persone sono rimaste ferite in varia misura. Sul posto sono già presenti polizia e soccorritori” ha scritto su Telegram il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky.

Massacro a Kramatorsk, Zelensky: “I russi disumani non abbandonano i loro metodi”

“I russi disumani – ha scritto ancora il presidente ucraino – non abbandonano i loro metodi. Non avendo la forza e il coraggio di opporsi a noi sul campo di battaglia, stanno cinicamente distruggendo la popolazione civile. Questo è un male che non ha limiti. E se non viene punito, non si fermerà mai”.

Di Maio: “Le bombe sulla stazione di Kramatorsk sono l’ennesima dimostrazione che la guerra russa è reale”

“Ancora orrori in Ucraina. Altri civili morti, anche bambini. Le bombe sulla stazione di Kramatorsk sono l’ennesima dimostrazione che la guerra russa è reale, le vittime sono vere. Ferma condanna. Tutti vogliamo la pace, non c’è più tempo da perdere: subito un cessate il fuoco” ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

“Condanno fermamente l’attacco indiscriminato di questa mattina contro una stazione ferroviaria a Kramatorsk da parte della Russia, che ha ucciso decine di persone e ha lasciato molti altri feriti” il commento su Twitter dell’Alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera e di sicurezza, Josep Borrell, oggi in vista a Kiev. “Questo è l’ennesimo tentativo di chiudere le vie di fuga per coloro che fuggono da questa guerra ingiustificata e causano sofferenze umane”, ha aggiunto.