Niente fretta per il Monte dei Paschi. I soldi li mette Pantalone. Il Dg del Tesoro “tranquillizza” le Camere. La banca senese sarà salvata. E a quel punto venduta

Rivera Monte dei Paschi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quando sarà necessario lo Stato metterà ancora denaro nel Monte dei Paschi di Siena, ma presto o tardi l’Istituto sarà privatizzato. A dirlo, insieme a molte altre informazioni sul destino della banca dopo il fallimento del matrimonio con Unicredit (leggi l’articolo), è stato ieri il direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera (nella foto), ascoltato dalle Commissioni Finanze di Senato e Camera.

Dopo lo stop alla trattativa che sembrava poter arrivare entro l’anno a conclusione, Rivera ha confermato la richiesta alla Commissione europea per ottenere una proroga rispetto all’uscita del Ministero dell’Economia dall’azionariato di Mps (oggi ne è il maggiore azionista). Una proroga “di durata adeguata e in questo momento non quantificabile”, ha precisato il direttore generale del Mef.

Con una certezza: “La permanenza sine die nel capitale della banca non è uno scenario ipotizzabile”, ha detto facendo riferimento agli obblighi derivanti dall’impianto normativo europeo. “Quindi a prescindere da quale sia la tempistica nuova da ridefinire della soluzione, la privatizzazione costituisce in ogni caso un punto di arrivo necessario”.

VA CONVINTA BRUXELLES. Per arrivare a questo obiettivo bisognerà però resistere chissà quanto tempo. Per questo Rivera ha ammesso che occorrerà consolidare un piano convincente per l’Autorità di vigilanza, che dovrà valutare le esigenze di capitale e la solidità della banca in prospettiva. Un piano credibile, che tradotto in atti concreti significa nuove immissioni di risorse pubbliche. E pazienza se nel frattempo per risparmiare si taglierà sulle pensioni.