Oltremanica è incubo Isis

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

La Gran Bretagna riscopre la paura per il terrorismo. E dell’Isis in particolare. “L’Isis”, ha detto il premier britannico David Cameron, “rappresenta la più grande e profonda minaccia mai conosciuta sino ad ora alla nostra sicurezza”. E così il livello di allerta per il terrorismo Oltremanica è stato innalzato a grave, il penultimo gradino prima dell’allerta massima. Dopo alcune informazioni di intelligence è giunta la decisione del Joint Terrorism Analysis Center che è indipendente dal governo.

In Gran Bretagna c’è da sottolineare che sono ben 500 i jihadisti britannici partiti per andare a combattere in Siria e in Iraq. Ed è caccia a questi 500 affinché non tornino più in patria. Cameron ha annunciato che verrà introdotta una nuova legge per rendere più facile la confisca dei passaporti ai jihadisti che dal Regno Unito vanno a combattere all’estero. “Un attacco terroristico è altamente probabile”, ha detto il ministro dell?interno Theresa May, “ma non ci sono segnali di intelligence che suggeriscano che sia imminente”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA