Primi guai all’ombra di Expo. Far west nei subappalti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Oscar Valori

Il lavoro ma senza paga. È forse la fine della “pace” tra sindacati ed Expo, quantomeno sul tema dei diritti dei lavoratori. Ad accendere la miccia della polemica il caso degli operai Edilglobal. A raccontare la vicenda è Antonio Faccini Lareno, responsabile per Cgil Milano del progetto Expo. “Osserviamo una distanza tra la regolarità delle certificazioni e la realtà dei cantieri”, esordisce Lareno, secondo cui “questo stato di cose chiama in causa tutti gli Enti che dovrebbero far rispettare le leggi e i protocolli di regolarità in essere e soprattutto i committenti, in questo caso Euro Milano/Cascina Merlata, che non possono più trincerarsi  dietro l’apparente regolarità delle certificazioni”.

Lo stipendio può attendere
La “bomba” è scoppia due giorni fa, quando i lavoratori dell’impresa (un subappalto della Farina di Desio incaricata di una parte delle opere di scavo delle fondamenta delle torri che ospiteranno il personale dei paesi espositori) si vedono costretti a salire sulle gru per protesta. La motivazione? “Nonostante il loro lavoro fosse terminato da tempo – spiega ancora la Cgil – l’ azienda rimandava costantemente la corresponsione delle retribuzioni. Così all’alba sono rientrati in cantiere bloccandolo di fatto a seguito dell’occupazione di parte delle gru”. Ad intervenire per riportare la calma e gli operai giù dalle gru è la stessa Euro Milano Spa, che si è vista costretta a pagare di propria tasca un congruo anticipo sulle spettanze rivendicate dai lavoratori. Non prima, naturalmente, della fortissima protesta dei rappresentanti della sigla sindacale. “Lustrini e cotillons delle sponsorizzazioni Expo, come quella della Fiat, non devono poter coesistere con la violazione dei più elementari diritti del lavoro”, spiega ancora Lareno.

Il mega-progetto edilizio
Cascina Merlata nasce da un’idea di Euromilano Spa, compagine che ne detiene il 60% delle quote e all’interno della quale troviamo in qualità di soci Intesa San Paolo e Unipol, Lega cooperativa e Canova 2007 Spa (finanziaria quest’ultima legata a Marco Brunelli, patron del gruppo della grande distribuzione Iper). Un progetto edilizio faraonico, che metterà a disposizione 323.000 metri quadrati per far posto a circa 4.000 appartamenti (tra locazione e vendita). Appare fondamentale, dunque, la questione dei diritti elementari delle maestranze che vi lavorano. Questione all’interno della quale si inseriscono le norme della “Spending Review” e del decreto ministeriale del marzo 2013, che ha introdotto una sorta di “Durc” a compensazione. Un documento fondamentale, che subordinava l’accesso alle opere pubbliche al rispetto assoluto del pagamento degli oneri previdenziali e contributivi. La novità? Potrà ora essere rilasciato anche a fronte di una semplice certificazione, da parte dell’impresa, di uno o più crediti nei confronti della pubblica amministrazione. Imprese che non pagano contributi e altre che si dimenticano degli stipendi? Stando al caso del cantiere di Rho-Pero non sembrerebbe pura fantascienza. “In una delle principali opere i lavoratori di due sub-appalti – conclude Lareno – circa 80, vantano crediti verso il datore per 582mila euro”.

Accordi traditi
Sembrano lontani i tempi delle strette di mano con i sindacati, come quando nel luglio scorso Expo annunciava “maggiore flessibilità nel lavoro e un modello che potrebbe essere replicato in ambito nazionale per i grandi eventi. Expo 2015 ha sottoscritto con i confederali e i rappresentanti di categoria del commercio il protocollo che disciplina le modalità di assunzione e di impiego del personale durante i sei mesi dell’Esposizione Universale e nel periodo di preparazione immediatamente precedente. Focus del protocollo è l’individuazione di un accordo sulle forme di flessibilità applicabili in riferimento all’Apprendistato, al contratto a tempo determinato e allo Stage”. Ben altro, a quanto pare, da ciò che accadrebbe all’ombra dei subappalti, lontani dai lustrini e dalle strette di mano.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA