Radio Belva scatena Sgarbi. Sfiorata la rissa con Cruciani. Il talk di Retequattro infiamma gli animi ma genera confusione tra i telespettatori. Un tutti contro tutti all’insegna del trash tv

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La prima puntata di Radio Belva, con Giuseppe Cruciani e David Parenzo ha deluso negli ascolti e spaccato la critica. La media dei telespettatori davanti al video è stata di 670.000, per uno share del 2,79%. Ha fatto peggio anche di Linea gialla, il programma di Salvo Sottile che su La7 ha avuto una partenza lenta rispetto alle attese. Radio Belva è un talk show in cui si parla per tre ore di nulla. Non c’è una notizia, né un’informazione. In pratica non è un talk che informa. Ci sono però trash a volontà, insulti, offese, parolacce. Nella prima puntata c’è da sottolineare la lucidità di Paolo Villaggio e il solito teatrino di Vittorio Sgarbi, che con Cruciani (che come mito ha Gianfranco Funari) ha sfiorato la rissa televisiva.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA