Quando e dove cadrà il razzo cinese “Lunga Marcia 5B” e quali sono le regioni in allerta

razzo cinese lunga marcia 5b italia regioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quando e dove cadrà il razzo cinese “Lunga marcia 5B” dopo il rientro incontrollato in atmosfera? Al momento la previsione di rientro sulla terra è fissata per le ore 02:24 ore locali del 9 maggio, con una finestra temporale di incertezza di ± 6 ore. All’interno di questo arco temporale sono tre le traiettorie che potrebbero coinvolgere l’Italia. In totale, interessano porzioni di 9 regioni del centro-sud, ovvero Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Quando e dove cadrà il razzo cinese “Lunga Marcia 5B” e quali sono le regioni in allerta

Ieri si è tenuto il Comitato Operativo della Protezione Civile convocato dal Capo Dipartimento Fabrizio Curcio per analizzare gli scenari ipotetici. La finestra temporale di incertezza rispetto a quando e dove cadrà il razzo cinese è di ± 6 ore. All’interno di questo arco temporale sono tre le traiettorie che potrebbero coinvolgere l’Italia che, in totale, interessano porzioni di 9 regioni del centro-sud. Le previsioni di rientro saranno soggette a continui aggiornamenti perchè legate al comportamento del vettore spaziale stesso. Oltre che agli effetti che la densità atmosferica imprime agli oggetti in caduta, e a quelli legati all’attività solare.

Il tavolo tecnico è composto da Asi, (Agenzia Spaziale Italiana) e da un membro dell’ufficio del Consigliere militare della Presidenza del Consiglio. Sono rappresentanti del Ministero dell’Interno – Dipartimento dei Vigili del Fuoco, della Difesa – Coi, dell’Aeronautica Militare – Isoc e degli Esteri, Enac, Enav, Ispra e la Commissione Speciale di Protezione civile della Conferenza delle regioni.  Si continuerà, insieme ai rappresentanti delle regioni potenzialmente coinvolte, a seguire tutte le operazioni del rientro, fornendo analisi e aggiornamenti sull’evoluzione delle operazioni.

Le regioni in allerta per la caduta del razzo cinese

Sulla scorta delle informazioni attualmente rese disponibili dalla comunità scientifica, è possibile fornire alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti responsabilmente comportamenti di auto protezione. È poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che pertanto sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti. Si consiglia, comunque, di stare lontani dalle finestre e porte vetrate; i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così  determinando anche pericolo per le persone.

Pertanto, non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici. All’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono, per gli edifici in muratura, sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi). Per gli edifici in cemento armato, in vicinanza delle colonne e,  comunque, in vicinanza delle pareti. È poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell’impatto; alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero resistere all’impatto.

Razzo Cinese: Traiettorie del Vettore (pdf)

Quali sono i consigli di sicurezza su “Lunga Marcia 5B”

Si consiglia, in linea generale, che chiunque avvistasse un frammento, di non toccarlo, mantenendosi a una distanza di almeno 20 metri. Dovrà segnalarlo immediatamente alle autorità competenti. Si tratta della seconda volta che accade in due anni: era accaduto nel 2020 al lanciatore dello stesso modello. Le sue orbite, seguite in queste ore in tutto il mondo, permettono di calcolare con un margine di incertezza ancora molto grande il punto del pianeta nel quale questo cilindro da circa 20 tonnellate rientrerà.

Nel 2018 quando a cadere in modo incontrollato verso la Terra era stato il prototipo della vecchia stazione spaziale cinese. A differenza da allora lo stadio del razzo si muove come meno oscillazioni grazie alla sua forma regolare. E’ infatti un cilindro con un diametro di 5 metri lungo poco più di 33 metri. Questo non significa, però, che sia più facile fare previsioni: l’incertezza riguardo al quando e dove avverrà il rientro dell’atmosfera resta molto ampia.

Razzo cinese: traiettoria in caduta

Questo perché “un oggetto in caduta si avvicina sempre più alla superficie terrestre fino a quando variazioni locali e anche molto rapide dell’atmosfera lo portano ad attraversare uno strato più denso. A quel punto avviene una brusca frenata e la susseguente la caduta. Predire questo fenomeno con settimane o anche solo con giorni di anticipo è molto difficile”, osserva Ettore Perozzi, responsabile dell’Ufficio per la Sorveglianza Spaziale dell’Asi. “Quello che possiamo fare – aggiunge – è stabilire una finestra temporale per il rientro. Che diventerà sempre più piccola man mano che inseguiamo l’oggetto nella sua discesa”.

Le stime più recenti fornite dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa) confermano che si è ridotto a poco più di 9 ore il margine di incertezza per il rientro nell’atmosfera dello stadio principale del razzo cinese Lunga Marcia 5B, in caduta incontrollata verso la Terra. Secondo gli attuali calcoli dell’Esa la finestra di rientro è ora compresa fra le 19,50 italiane di sabato 8 maggio e le 5.15 italiane di domenica 9 maggio.

La foto del razzo nei cieli di Roma

È ormai visibile a occhio nudo ed è stato fotografato nel cielo di Roma il secondo stadio del razzo cinese Lunga Marcia 5B. A catturarne le immagini, all’alba di sabato 8 maggio, è stato l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. “L’osservazione era possibile agilmente ad occhio nudo”, dice Masi, e “l’oggetto appariva chiaramente lampeggiante, a causa della sua rotazione su sé stesso: per questo la traccia registrata nella fotografia mostra una fitta serie di tratti luminosi”. Venerdì 7 maggio lo stesso astrofisico aveva fotografato lo stadio del razzo utilizzando il telescopio.

We could image the Chinese CZ-5B R/B rocket body 90 minutes ago from Rome, Italy. I easily saw it by naked eye and it…

Pubblicato da The Virtual Telescope Project su Venerdì 7 maggio 2021